apple primo computer pubblicità
Hi Tech,  Lifestyle

38 anni fa la Apple presentava il suo primo computer con una pubblicità diventata leggenda

“1984”, la pubblicità del primo computer Apple trasmessa per la prima volta durante il Super Bowl

“1984” è la pubblicità più acclamata della Apple, pensata per il lancio del personal computer Macintosh. È stato trasmesso il 22 gennaio 1984 sulla televisione americana, durante la partita del Super Bowl, e ora è considerato la pietra angolare della cinematografia pubblicitaria. Trenta secondi per lanciare un prodotto che cambierà per sempre la tecnologia.

 

“1984”: come è stata fatta la pubblicità per il primo computer Apple

Lo spot è stato diretto da Ridley Scott e scritto da Steve Hayden, Brent Thomas e Lee Crow. Il ruolo principale è interpretato dall’attrice Anya Major, mentre l’attore che interpreta il Grande Fratello è David Graham.

Steve Jobs lo aveva già mostrato a un piccolo gruppo di partner e azionisti prima ma il consiglio di amministrazione dell’azienda, all’epoca guidato da John Sculley, non accolse con favore il progetto. Sono stati i fondatori, Steve Jobs e Steve Wozniak, a difenderlo così tanto che si sono offerti di acquistare lo spazio pubblicitario di tasca propria e quindi il progetto è passato.

“Il 24 gennaio Apple presenterà il Macintosh. E vedrete perché il 1984 non sarà il 1984”

Era questa la frase di chiusura che apparve sui teleschermi del Super Bowl, da sempre una delle trasmissioni più seguite in America.

Apple primo computer pubblicità
Un frame di “1984”

Ecco cosa voleva trasmettere Apple con la pubblicità per il suo primo computer

Ambientato in un mondo distopico ispirato a “1984” di George Orwell, lo spot presenta un Grande Fratello che dà ordini a un uomo grigio al centro di uno schermo gigante. Poi una donna in pantaloncini rossi corse verso di lui. Fa girare un martello in aria e lo lancia al centro dello schermo, mandandolo in frantumi.

1984” ha utilizzato l’immagine dell’eroina anonima per simboleggiare il lancio del personal computer Macintosh di Apple come mezzo per liberare l’umanità dall’obbedienza. L’intera pubblicità rappresenta un tributo pubblico al romanzo di George Orwell “1984” basato su un futuro distopico.

Questa pubblicità ha contribuito a presentare Apple al mondo come un’azienda che combatte per gli individui di fronte alle aziende oppressive.

 

Ecco com’era il computer rivoluzionario della Apple, famoso per la sua pubblicità “1984”

Il Macintosh viene messo in vendita il 24 gennaio dello stesso anno. Era il più rivoluzionario di tutti i computer, dotato del mouse standard e di un sistema operativo con icone di facile comprensione, quindi anche le persone senza conoscenze tecniche potevano usare il computer.

Come quella pubblicità, il Macintosh ha cambiato per sempre la storia dell’informatica. È stato il primo computer ad essere venduto su larga scala e il primo a introdurre un’interfaccia basata su icone, finestre e menu. Il primo ha di serie una tastiera e un mouse. 37 anni dopo, molte di queste innovazioni fanno ancora parte dell’informatica moderna.

apple primo computer pubblicità
Ecco il primo personal computer Apple, il Macintosh

Ecco tutti i premi vinti dalla pubblicità “1984” di Apple per il suo computer Macintosh

  • 1984- 31º Festival internazionale della creatività Leoni di Cannes – Grand Prix
  • 1984- Clio Awards
  • 1995- Clio Awards – Hall of Fame
  • 1995- Advertising Age – Greatest Commercial
  • 1999- TV Guide – Number One Greatest Commercial of All Time
  • 2003- World Federation of Advertisers – Hall of Fame Award (Jubilee Golden Award)
  • 2007- Best Super Bowl Spot (miglior spot della storia del Super Bowl in 40 anni)

 

Leggi anche: 

15 anni fa Steve Jobs presentava il primo iPhone della storia: il 9 gennaio 2007 una rivoluzione nel settore informatico

Dieci anni dalla morte di Steve Jobs

Apple: riparazione fai da te in arrivo per il 2022

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *