Moda

Balmain, Olivier Rousteing ha copiato il giovane Murano?

Che delusione. Olivier Rousteing ha scopiazzato l’idea di Francesco Murano? Cosa è accaduto alla collezione primavera/estate 2021 Balmain?

Giovani entrambi. Creativi allo stesso modo. Olivier Rousteing e Francesco Murano, fresco di premiazione al Who Is On Next? 2020, hanno più di qualcosa in comune. Probabilmente, con la Balmain primavera/estate 2021, lo stilista francese ha dichiarato a tutto il mondo la venerazione per il giovane talento nostrano. E noi che pensavamo fosse il contrario.

Delude la prestazione di Olivier alla Paris Fashion Week con una collezione amara non fosse altro che alcuni dei capi fatti sfilare assomigliano (e non poco) alla creazione indossata da Beyoncé, firmati, appunto, da Murano.

I drappi come un chitone ma proposto sotto un’ottica contemporanea, irrigiditada spalle cuspidate e linee sottili, second hand.

Beyoncé indossa un abito Francesco Murano al brunch dei Grammy Awards 2020
Balmain primavera/estate 2021

A Olivier Rousteing sono mancate le idee?

È evidente che Rousteing abbia scopiazzato l’idea di Francesco. Un plagio della moda? Se così fosse è un atto grave visto l’altisonanza a livello globale della griffe che fa a capo del gruppo Qatar Mayhoola, lo stesso di Valentino.

Lidea progettuale sembra seguire il lavoro del giovane salernitano. Drappi, appunto, ma anche la linea rigida, scultorea. Persino il grigio, tonalità prediletta da Murano.

La primavera estate di Balmain, inoltre, viene scandita da pantaoni aderenti, con orlo semi ampio e abiti da sera di paillettes che danno un tocco di glamour ad una collezione ibrida.

 

La storia di Balmain è consultabile sull’Enciclopedia della Moda di MAM-E.IT. Un breve estratto

“Pierre (1914-1982). Sarto francese. Il suo stile è stato definito “Jolie Madame”. Era stato ricchissimo, se ne andò povero. Fu Hubert de Givenchy a leggere l’addio nella chiesa di Saint Pierre de Chaillot, davanti alla sua bara bianca ricoperta di fiori bianchi e circondata da personaggi della moda e da pochissimi amici, mentre l’organo suonava la II sinfonia di Mahler. Era l’estremo saluto di Parigi a un suo protagonista, morto il 29 giugno dell’82 in quell’Ospedale Americano dove era morto anche Fath, suo contemporaneo agli inizi della carriera.” Leggi di più

 

Leggi anche

Francesco Murano vince Who is On Next? 2020

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.