toni servillo anni
Cinema,  Spettacolo

Buon compleanno, Toni Servillo: il 25 gennaio l’attore di ‘È stata la mano di Dio’ compie 63 anni

Toni Servillo spegne 63 candeline: che sia in arrivo un Oscar come regalo di compleanno?

Alla soglia dei 63 anni, Toni Servillo ha collezionato una lunga serie di premi e riconoscimenti. Con all’attivo 2 European Film Awards, 4 David di Donatello e 4 Nastri d’argento, infatti, si può senza ombra di dubbio collocare Toni Servillo nell’Olimpo dei più grandi attori italiani degli ultimi anni.

Senza contare che, insieme a Sabrina Ferilli e Carlo Verdone, è stato uno dei protagonisti de La grande bellezza, il film che ha valso a Paolo Sorrentino l’Oscar per il Miglior Film Straniero.

Una collaborazione, quella con Sorrentino, che è continuata fino all’ultimo capolavoro del regista, È stata la mano di Dio, presentato a Venezia 2021. Dopo avergli valso il Leone d’Argento, il film semi-autobiografico di Sorrentino è ora in lizza per gli Oscar 2022.

A distanza di pochi giorni della conferma della nomination, dunque, gli occhi sono puntati su Toni Servillo e sulla sua brillante performance ne È stata la mano di Dio. Possibile che l’attore riceva una seconda nomination all’Oscar come regalo di compleanno?

Per scoprirlo, ci sarà ancora da aspettare. Nel frattempo, però, non possiamo che augurare a Toni Servillo un buon compleanno: ecco i ruoli che più hanno segnato la sua carriera, alla vigilia dei suoi 63 anni.

Buon compleanno, Toni Servillo: i 10 ruoli che lo hanno reso un’icona a soli 63 anni

Istrionico, divertente, incredibilmente comunicativo: dopo oltre quarant’anni di carriera, non ci sono dubbi sul talento di Toni Servillo. Incluso nella classifica dei 25 migliori attori del secolo stilata l’anno scorso dal New York Times, infatti, l’attore continua a confermarsi un fuoriclasse, che sia su un palcoscenico o dietro alla cinepresa.

Elencare tutti i suoi traguardi sarebbe impossibile. Limitandoci al cinema, dunque, ci limitiamo a una top 10 dei ruoli più memorabili dell’attore.

Ecco i film che hanno reso Toni Servillo un’icona del cinema italiano contemporaneo a soli 63 anni.

1. L’uomo in più di Paolo Sorrentino (2001)

Titolo d’esordio della collaborazione che legherà Sorrentino e Servillo per anni, L’uomo in più racconta curiosamente l’incrocio dei destini di due uomini, che condividono lo stesso nome. Antonio “Tony” Pisapia è è entrato nella storia del cinema italiano, conquistando sia il David di Donatello sia il Nastro d’Argento come migliore attore protagonista.

2. Le conseguenze dell’amore di Paolo Sorrentino (2004)

Seconda collaborazione con Sorrentino, Le conseguenze dell’amore è stato presentato al 57° Festival di Cannes. Anche il personaggio di Titta di Girolamo, cinquantenne autorecluso da otto anni in una camera d’albergo, ha valso a Servillo il David di Donatello e il Nastro d’argento come miglior attore protagonista.

3. La ragazza del lago di Andrea Molaioli (2007)

Ne La ragazza del lago Toni Servillo entra nei panni di Giovanni Sanzio, commissario di polizia sulle tracce dell’assassino di una studentessa, che finirà col restare troppo coinvolto nel caso. Per il terzo anno di fila, con La ragazza del lago Servillo si aggiudica la coppia David di Donatello-Nastro d’Argento.

4. Gomorra di Matteo Garrone  (2008)

Prima di Salvatore Esposito e Marco D’Amore, Gomorra aveva trovato uno dei suoi interpreti più potenti proprio in Toni Servillo. Il film, basato sull’omonimo best seller di Roberto Saviano, ha anticipato l’incredibile successo della serie Sky.

L’interpretazione del ruolo di Franco, imprenditore impiegato nello smaltimento di rifiuti tossici, hanno fruttato a Toni Servillo una lunga lista di premi, compresi il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes, 1 European Film Awards e 1 Globo d’Oro come Miglior attore.

5. Il divo di Paolo Sorrentino (2009)

Tra i molti volti assunti dal Toni Servillo nel corso della sua carriera, quello di Giulio Andreotti è forse uno dei più difficili da riconoscere. Ingobbito e trasformato, nel suo terzo film di Sorrentino Toni Servillo dà infatti prova di tutta la sua versatilità. Anche in questo caso, Servillo si aggiudica David di Donatello e Nastro d’Argento come migliore attore del 2009.

6. Una vita tranquilla di Claudio Cupellini (2010)

Rimanendo attinenti al tema di Gomorra, non si può non menzionare il personaggio di Antonio De Martino, ex camorrista fuggito in Germania, interpretato magistralmente da Servillo in Una vita tranquilla. Per il ruolo, Servillo si è aggiudicato il Marc’Aurelio d’Argento per il Miglior attore al Festival di Roma.

7. La grande bellezza di Paolo Sorrentino (2013)

Tra i successi della coppia Sorrentino-Servillo, infine, non si può non citare La grande bellezza, premio Oscar come Miglior film straniero del 2013. Nel film, Servillo è Jep Gambradella, scrittore in crisi risucchiato dalla vita mondana di Roma. 

8. Qui rido io di Mario Martone (2021)

In molti sostengono che l’ultimo capolavoro di Mario Martone si stato derubato del giusto riconoscimento alla 78a Mostra del Cinema di Venezia. Il responso più significativo, però, resta quello del pubblico, che ha adorato l’interpretazione di Toni Servillo, calato alla perfezione nella Napoli ottocentesca del commediografo napoletano Eduardo Scarpetta. Una storia vera esilarante e profonda allo stesso tempo, che mette in luce alla perfezione il talento dell’attore. 

9. Ariaferma di Leonardo Di Costanzo (2021)

Tra gli ultimi film girati dall’attore, Ariaferma è senza dubbio tra i più acclamati dalla critica. Presentato al Festival di Venezia 2021, il film racconta la storia di alcuni detenuti, lasciati senza direttive in un vecchio carcere in dismissione. 

Leggi anche: Che tempo che fa 2021, Toni Servillo e Silvio Orlando presentano Ariaferma da Fabio Fazio

10. È stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino (2021)

Last but not least, il film che è sulla bocca di tutti da settimane. «Mi chiedono perché continuo a fare film con Toni Servillo», ha detto Sorrentino nel discorso per la sua vittoria del Leone d’Argento per È stata la mano di Dio. «Ecco perché».

Il film, che racconta la storia del regista stesso, è stato un vero e proprio successo. Non solo, infatti, ha battezzato il talento del giovane Filippo Scotti (interprete del giovane Sorrentino nel film), ma si è fatto strada ai Golden Globe 2022 e nella shotlist degli Oscar come Miglior Film Straniero.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da paolo sorrentino (@paolosorrentino_real)

Toni Servillo ancora in coppia con Sorrentino: Oscar in vista per È stata la mano di Dio? Il responso l’8 febbraio

Purtroppo, l’occasione di vincere un Golden Globe è sfumata insieme alla cerimonia meno seguita della storia dei Premi. Tuttavia, per Toni Servillo e Paolo Sorrentino niente è perduto. È stata la mano di Dio, infatti, è entrato nella shortlist ufficiale per la nomination agli Oscar 2022.

Ad oggi, il film con protagonista Toni Servillo risulta nettamente tra i preferiti. La conferma, tuttavia, arriverà solo l’8 febbraio, quando verrà resa nota la rosa ufficiale delle nomination agli Oscar per il Miglior Film Straniero. Il che, bisogna ammetterlo, non sarebbe un cattivo modo di festeggiare i 63 anni di Toni Servillo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da paolo sorrentino (@paolosorrentino_real)

In attesa di scoprire come andrà a finire, dunque, non possiamo che rinnovare gli auguri a uno dei più grandi attori italiani del momento: buon compleanno Toni Servillo!

Leggi anche:

Toni Servillo: per il New York Times, tra i migliori del secolo

È stata la mano di Dio a un passo dagli Oscar 2022: Sorrentino è nella short list dell’Academy

Editor: Valentina Baraldi

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.