djokovic espulso
sport

Caso Djokovic: il tennista è stato espulso dall’Australia, respinto il ricorso dai giudici

Caso Djokovic: espulso dall’Australia, domani non potrà giocare agli Australian Open

Caso Djokovic: espulso dall’Australia il numero uno del tennis. Novak Djokovic ha perso il suo ricorso contro il Paese che aveva deciso di cancellargli il visto. Il 34enne serbo non potrà quindi difendere il proprio titolo agli Australian Open, il primo dei tornei dello Slam di questa stagione 2022 che partirà domani lunedì 17 gennaio. In questo modo, non avrà la possibilità di raggiungere il suo 21esimo Slam in carriera, superando Nadal e Federer.

È arrivato poco fa il risultato della sentenza, che ha messo fine così alla saga tra il campione di tennis e il governo australiano. L’appello ha dato ragione proprio a quest’ultimo, che ritiene Djokovic un pericolo pubblico e un rischio per la collettività. Questa la sentenza data dai tre giudici, che all’unanimità hanno deciso contro il giocatore serbo.

djokovic espulso

Caso Djokovic: il tennista espulso dall’Australia, cosa succede adesso?

Novak Djokovic rimarrà a Melbourne in stato di fermo fino alla sua espulsione. Una sentenza di questo tipo, usualmente, porta con sé un divieto di entrare nel Paese di tre anni. Questo è un enorme ostacolo nel sogno del tennista di conquistare il Grande Slam.

Domani il serbo avrebbe dovuto giocare nella Rod Laver Arena contro il connazionale Kecmanovic. Ma al suo posto entrerà l’italiano Salvatore Caruso, numero 150 del mondo. Il 29enne entrerà in tabellone come lucky loser. Si aggiunge, dunque, agli altri Italiani che parteciperanno agli Open 2022: Berrettini, Sinner, Sonego, Fognini, Mager, Musetti, Travaglia, Cecchinato e Seppi.

Questa è una sentenza significativa, che comporta implicazioni di politiche interne e ramificazioni internazionali. Il tribunale della Corte Federale ha quindi confermato la decisione del ministro dell’Immigrazione. I motivi saranno resi pubblici nella giornata di lunedì.

Caso Djokovic: espulso dall’Australia, le sue parole

Novak Djokovic ha così reagito di fronte al risultato dell’udienza. «Vorrei fare una breve dichiarazione per affrontare gli esiti dell’udienza di oggi in tribunale. Adesso mi prenderò del tempo per riprendermi e per riposarmi, prima di fare ulteriori commenti oltre a questo. Sono estremamente deluso dalla decisione di respingere il ricorso contro l’annullamento del mio visto. Questo significa che non posso rimanere in Australia e partecipare agli Australian Open. Rispetto la sentenza della Corte e collaborerò con le autorità competenti in relazione alla mia partenza».

 

Leggi anche:

Il programma completo dell’Australian Open 2022: date e orari tv tabellone

Novak Djokovic ancora in stato di fermo al Park Hotel di Melbourne

Novak Djokovic, cancellato di nuovo il visto per l’Australia: “Nel pubblico interesse farlo”

 

Editor: Susanna Bosio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.