plusvalenze inter milan
sport

Caso plusvalenze, l’opinione di due ex dirigenti di Inter e Milan

Plusvalenze, parlano due ex dirigenti di Inter e Milan

Il caso plusvalenze tiene banco fra i tifosi di calcio. L’approfondimento delle indagini che finora vedono coinvolta in larga parte la Juventus ed altri club, hanno provocato reazioni diverse. A proposito, ne hanno parlato in questi giorni due ex dirigenti del calcio. Si tratta del Prof. Ernesto Paolillo, a lungo a.d. dei nerazzurri, e l’avv. Leandro Cantamessa, ex difensore di lunga data dei rossoneri. Entrambi concordano sul fatto che prima bisogna indagare bene le decine di affari incriminati. Da una parte poi Paolillo chiede da ora in avanti un approccio più severo nelle punizioni, mentre Cantamessa ritiene che l’illecito sportivo sia comunque inesistente.

Plusvalenze, Paolillo: “Non l’hanno fatto di proposito, ma ora servono punizioni più severe”

Sul caso plusvalenze ne ha parlato in una lunga intervista a La Repubblica l’ex a.d. dell’Inter Ernesto Paolillo. Uno dei fautori del Ffp (Fair play finanziario), sul quale oggi si batte il petto, ha commentato così la vicenda Juve-plusvalenze:

Io non credo che volontariamente i dirigenti bianconeri abbiamo cercato di infrangere le regole. Non ne avevano bisogno, avendo alle spalle una grande proprietà. E trattandosi di una società quotata, i manager non potevano essere così sprovveduti da pensare di dribblare gli obblighi di trasparenza imposti dalla società di vigilanza. Credo e spero che l’inchiesta chiarirà che si è trattato di un grande equivoco. E che gli indagati lo potranno dimostrare. Intanto, questa è la prova che occorre cambiare le regole europee sul player trading e sulla gestione dei club vanno modificate“.

plusvalenze inter milan
Paolillo senza misure. “Bisogna usare anche le penalizzazioni sportive contro questi casi”

Plusvalenze, Cantamessa: “Escludo illecito sportivo”

C’è poi l’avv. Leandro Cantamessa, per più di 30 anni legato all’ambiente del Milan. L’ex legale dei rossoneri sulle pratiche del calciomercato, si è così espresso ai microfoni de La Stampa:

Il problema è sempre lo stesso: è molto difficile provare che le parti abbiano scientemente voluto concludere un affare fittizio. È complicato perché non esiste un listino prezzi nel calcio. Le variabili sono infinite. Consideriamo per esempio il caso di Zaniolo con l’Inter. Il club ha venduto un calciatore, rivalutatosi poi a dismisura nelle settimane successive. Mi sentirei di escludere un illecito sportivo“.

plusvalenze inter milan
Leandro Cantamessa, a lungo avv. del Milan, dice che in ogni caso non esiste illecito sportivo

LEGGI ANCHE:

Giornata 15 Serie A 2021/22: calendario e probabili formazioni

Tennis italiano: bilancio di un 2021 che infonde ottimismo per il futuro

Basket, Qualificazioni Mondiali 2023: l’Italia supera l’Olanda 75-73

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *