Come uscire dalla quarantena: le nuove regole
NEWS

Come uscire dalla quarantena? Qui le nuove regole anche per scuola e obbligo vaccinale

ORA BASTERà UN TAMPONE ANTIGENICO FATTO IN FARMACIA PER USCIRE DALL’ISOLAMENTO. PER IL GREEN PASS DOPO LA GUARIGIONE CI PENSERà IL MEDICO DI BASE

Come funziona la quarantena e l’isolamento per chi è risultato positivo al Covid-19? Le nuove regole cambiano a seconda che si tratti di sintomatici o asintomatici, ma in ogni caso è necessario un tampone, antigenico o molecolare, con esito negativo per poter uscire da casa.

COME USCIRE DALLA QUARANTENA

Come uscire dalla quarantena? Oggi basterà un tampone rapido o molecolare. Entrambi vanno bene. Per chi è positivo sintomatico l’isolamento dura minimo 10 giorni dalla comparsa dei sintomi, al termine dei quali, trascorsi tre giorni senza sintomi, bisogna sottoporsi al test. Chi è asintomatico, invece, ha regole diverse in base al vaccino: le persone che non hanno ricevuto la terza dose o completato le due dosi da 120 giorni o più valgono gli stessi 10 giorni di isolamento previsti per i sintomatici (sempre con test antigenico o molecolare negativo in uscita), ma a partire dalla data in cui ci si è sottoposti al tampone con esito positivo; per chi ha ricevuto la terza dose o completato il ciclo vaccinale primario (due dosi) da 120 giorni o meno la durata dell’isolamento è stata portata da 10 a 7 giorni dal tampone positivo, con l’obbligo del test antigenico o molecolare negativo.

SBLOCCO DEL VECCHIO GREEN PASS: BASTERà L’ESITO NEGATIVO

Nelle ultime settimane la piattaforma nazionale che registra i dati relativi ai vaccini e ai tamponi ha avuto problemi dopo le numerose segnalazioni di cittadini che tornati negativi non riuscivano ad ottenere il certificato attivo. Quindi il ministero della Salute ha cambiato la procedura per i cittadini positivi al virus. Il Green Pass viene sbloccato in automatico anche senza il certificato di guarigione, basterà l’esito negativo di un test molecolare o antigenico. Fino al 5 gennaio il certificato verde veniva bloccato automaticamente al momento della rilevazione della positività: in seguito per farlo tornare valido doveva essere il medico di base a inserire nella piattaforma nazionale il codice identificativo del certificato di guarigione per uscire dalla quarantena. Poiché un tampone positivo sospende il certificato verde, un tampone negativo ora lo deve riattivare. 

NUOVO GREEN PASS DOPO LA GUARIGIONE: CHI LO CERTIFICA

Il ministero della Salute precisa, però, che il tampone negativo riattiva il Green pass che era stato bloccato al momento del rilevamento della positività. Per avere poi il nuovo Green pass dei guariti che fa scattare i sei mesi di validità, sarà il medico di base che dovrà inserire il certificato che attesti la negatività sulla piattaforma per poter uscire così dalla quarantena.

OBBLIGO VACCINALE PER GLI OVER 50

Mario Draghi nell’ultimo Consiglio dei Ministri ha approvato l’obbligo di vaccino per tutti gli over 50 residenti sul territorio nazionale, italiani o stranieri. Per chi è guarito dall’infezione, l’obbligo scatta entro sei mesi dalla data di guarigione. Quest’obbligo varrà fino al 15 giugno. A partire dal 15 febbraio, i lavoratori pubblici e privati che hanno compiuto 50 anni d’età dovranno presentare il Super Green Pass a lavoro. Chi non lo farà potrà conservare il posto di lavoro ma non riceverà lo stipendio. Le sanzioni previste ammontano tra i 600 e i 1.500 euro.

SCUOLA IN SICUREZZA: LE NUOVE REGOLE DAL 10 GENNAIO

Il decreto prevede il ritorno sui banchi di scuola tra il 7 e il 10 gennaio. Nella scuola dell’infanzia i maestri dovranno indossare le mascherine Ffp2. Obbligo imposto anche nelle classi primarie e secondarie. Si introducono anche nuove regole per la gestione delle quarantene nelle classi. Queste variano tra materna, scuola primaria, medie e superiori:

Scuole materne e nidi (0-6 anni):

  • Anche con un solo caso positivo, si applicano la Dad immediata e la quarantena di 10 giorni, più il test finale.

Elementari:

  • Se alle elementari risulta positivo un solo bambino, gli altri dovranno sottoporsi il prima possibile al test. Se risulta positivo solo lui, tutti gli altri potranno continuare a stare in presenza mantenendo le dovute distanze. Il docente (che è vaccinato) entrerà in regime di autosorveglianza. L’autosorveglianza è la strategia alternativa alla quarantena messa in campo dal governo esclusivamente per vaccinati o guariti da meno di 120 giorni: in caso questi siano venuti a stretto contatto con una persona positiva, e qualora risultino asintomatici, non dovranno isolarsi ma indossare una mascherina FFP2 per almeno 10 giorni dall’ultima esposizione e fare un test dopo 5 giorni.
  • Qualora i positivi in classe siano due o più, invece, tutta la classe andrà in Dad. Tutti saranno sottoposti alla quarantena della durata di 10 giorni con tampone finale (che dovrà essere negativo). Le misure sono uguali per studenti vaccinati e non.

Scuole medie e superiori:

  • Come per le elementari, non si va in Dad con un solo caso positivo. Se non si può mantenere la distanza di due metri, si faranno lezioni con le mascherine FFP2 per almeno 10 giorni. Docenti, alunni e personale scolastico considerati nella rete dei contatti stretti dovranno seguire il regime di autosorveglianza.
  • Se i positivi sono due o più, invece, si farà differenza tra studenti che hanno completato il ciclo vaccinale (con due dosi o con booster) e quelli che non l’hanno fatto: i primi potranno comunque continuare in presenza con l’autosorvegianza, mentre i secondi dovranno andare in Dad/quarantena per 10 giorni. Potranno uscire dall’isolamento solo con test finale negativo.

LEGGI ANCHE:

Covid, apertura scuole: il governo di Draghi ci crede, ma gli studenti protestano

La situazione covid nel mondo

Draghi sfugge ai giornalisti: Non rispondo a domande sul Quirinale

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.