covid milano tamponi
NEWS

Covid: a Milano code di un’ora nelle farmacie per i tamponi in vista del Natale

In aumento i casi Covid: a Milano è iniziata la corsa ai tamponi in vista delle feste

Covid: a Milano lunghe code per sottoporsi ai tamponi. Succede di fronte all’ingresso della maggior parte delle farmacie della città, prese d’assalto dai cittadini con il sopraggiungere delle feste.

L’aumento dei contagi sta spaventando i Milanesi che vogliono effettuare il test del Covid con rapidità. Il sistema di tracciamento dei casi in Lombardia sta andando in tilt a causa del boom di contagi tra la popolazione adulta e tra i banchi di scuola. In questi giorni non si riescono a garantire i tamponi molecolari a tutti i cittadini e gli alunni che risultano positivi al virus. Per questo, la maggior parte di coloro che nel fine settimana e lunedì hanno chiesto i tamponi nelle farmacie, sono tornati a casa delusi.

Covid: boom di richieste per i tamponi a Milano

A richiedere il tampone sono soprattutto coloro che devono prendere treni o aerei. O semplicemente chi vuole essere prudente in vista del Cenone di Natale in famiglia. Ma anche chi, in questi giorni, è venuto a contatto con un positivo.

I test rapidi vengono fatti solo all’interno delle farmacie, dove spesso le code per farli senza prenotazione hanno un’attesa minima di un’ora. Anche i centri privati, che eseguono anche i tamponi molecolari, hanno le agende piene fino al giorno di Natale.

covid milano tamponi

Basti pensare alla situazione nelle scuole. Ogni alunno positivo si porta dietro almeno altre venti richieste di test da parte dei compagni e dei rispettivi famigliari. Con molta fatica i centri per i tamponi riescono a stare dietro alle richieste di prenotazione.

L’invito alle famiglie è di non precipitarsi a fare il molecolare nei drive through quando in una classe ci sono tre positivi. I ragazzi sono comunque costretti all’isolamento a casa, perché a stretto contatto. Chi è positivo lo deve segnalare al medico di base e alla scuola e fare un secondo tampone a 10 giorni dal primo. Invece, chi è negativo ma in quarantena come il resto della classe, deve fare un test per essere riammesso cinque giorni dopo.

Covid: a Milano finiscono anche i tamponi fai-da-te

L’alternativa al tampone in farmacia è il passaggio ai test fai-da-te. Il governatore del Veneto, Luca Zaia, li ha consigliati negli ultimi giorni in vista dei pranzi e delle cene per le feste. Ma in pochi giorni gli scaffali di farmacie e supermercati sono stati svuotati. Un presidio della periferia Ovest di Milano spiega che le prossime forniture sono previste per dopo Natale.

 

Leggi anche:

Covid, si attendono 50mila casi per Capodanno 2022: le possibili nuove strette per le festività

Tamponi per i vaccinati per le feste ed eventi. La nuova stretta anti-covid e i pareri contrastanti

 

Editor: Susanna Bosio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.