regioni zona gialla
NEWS

Covid, aumentano i casi: ecco le regioni che rischiano la zona gialla prima di Natale

Quarta ondata Covid: alcune regioni rischiano la zona gialla già dal 20 dicembre

Non si ferma in Italia la quarta ondata Covid: se i casi dovessero aumentare alcune regioni rischierebbero la zona gialla prima di Natale. Nell’ultima settimana è aumentata l’incidenza dei nuovi contagi in tutto il Paese, toccando i 176 per centomila abitanti. L’indice Rt è lievemente in calo per la seconda settimana consecutiva, attestato a 1,18 contro l’1,20 di sette giorni fa. Questi i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità.

I dati regionali verranno valutati oggi per determinare quali territori saranno costretti a cambiare colore e a introdurre limitazioni per fermare i contagi. Il rischio risiederebbe nel trascorrere di nuovo il Natale all’insegna delle restrizioni.

Regioni in zona gialla: confermate Friuli e Bolzano, cui si aggiunge la Calabria

Attualmente si trovano in zona gialla il Friuli Venezia Giulia e la Provincia autonoma di Bolzano, che verranno confermate anche la prossima settimana. Infatti, i posti letto occupati nelle terapie intensive sono rispettivamente al 14% e al 18%. L’area medica ordinaria è occupata al 23% e al 19%. L’incidenza settimanale, invece, è al di sopra dei 50 positivi ogni 100 mila abitanti.

regioni zona gialla

Da giorni è evidente il rischio che la regione Calabria corre di passare in zona gialla. In area medica si registra un tasso di positivi al di sopra della soglia di allerta, con un’occupazione al 17%. La terapia intensiva conta l’11,8% dei posti occupati. L’incidenza settimanale, invece, registra 118 nuovi casi ogni 100mila abitanti.

Insomma, tutti numeri da zona gialla. Il monitoraggio dell’Iss certificherà quindi il cambio colore per questa regione, previsto già per il prossimo lunedì 13 dicembre. Inoltre, da tenere in considerazione è il basso numero di vaccinati in Calabria, che si trova al terzultimo posto in Italia. Il 79,8% della popolazione sopra i 12 anni ha ricevuto l’immunizzazione, contro la media nazionale dell’89,9%.

Le altre regioni a rischio zona gialla

Ma sarebbero altre le regioni con parametri a rischio zona gialla. Liguria, Marche, Lazio, Provincia autonoma di Trento e Veneto hanno ormai superato la soglia di allerta per l’occupazione di posti letto Covid nelle terapie intensive. Da tenere sotto osservazione è la Lombardia, dove desta preoccupazione il livello di ricoveri nei reparti ordinari, salito al 13,6%.

Il governatore della regione Veneto, Luca Zaia, ha già annunciato che se la curva dei contagi continuerà a crescere con velocità, sicuramente per Natale si passerà in zona gialla.

Attilio Fontana, invece, ha affermato: «I dati settimanali che venerdì l’Iss e il Ministero della Salute valuteranno daranno conferma della Lombardia in zona bianca anche per la prossima settimana». Il governatore ha riportato i numeri della regione. L’indice Rt è passato da 1,19 a 1,03 in sette giorni. L’occupazione delle terapie intensive è invece all’8%.

 

Leggi anche:

Scoperto un nuovo farmaco contro il Covid: sostituirebbe i vaccini secondo lo studio tutto italiano

Successo modello asiatico Covid, come funziona in oriente?

 

Editor: Susanna Bosio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.