dati covid reparti
News

Dati Covid: com’è la situazione nei reparti

Dati Covid: risale al 29% la percentuale dei pazienti con Covid-19 nei reparti ordinari

Ecco gli ultimi dati covid nei reparti degli ospedali in Italia, segnalati da Agenas il 7 febbraio.

Gli ultimi dati covid nei reparti: la situazione nelle Regioni e nelle province autonome

Nei reparti ordinari la percentuale dei posti letto occupati da pazienti con Covid-19 risale al 29% a livello nazionale (+1%) e, in 24 ore, aumenta anche in 8 regioni e province autonome: Calabria (al 35%), Friuli Venezia Giulia (38%), Lazio (33%), Liguria (38%), Molise (con +3% arriva a 26%), Bolzano (28%), Trento (30%), Piemonte (29%). La percentuale cala in Abruzzo (37%), Lombardia (24%), Valle d’Aosta (30%). Stabile, invece, in Basilicata (26%), Campania (30%), Emilia Romagna (27%), Marche (32%),Puglia (26%), Sardegna (23%), Sicilia (37%), Toscana (26%), Umbria (33%), Veneto (23%).

dati covid reparti

La situazione nelle terapie intensive

Resta al 15% la percentuale di terapie intensive occupate da pazienti con Covid-19. In 24 ore, però, cala in 8 regioni: Calabria (al 12%), Friuli Venezia Giulia (23%), Lombardia (11%), Marche (20%), Bolzano (11%), Trento (con -3% scende al 23%), Piemonte (15%) e Sardegna (15%). Cresce, invece, in Basilicata (5%), Toscana (18%), Umbria (10%). Questi i dati del monitoraggio quotidiano Agenas, aggiornato al 7 febbraio. Il valore è stabile in Abruzzo (19%), Campania (10%), Emilia Romagna (16%), Lazio (21%), Liguria (15%), Molise (8%), Puglia (14%), Sicilia (15%), Val d’Aosta (9%),Veneto (14%).

 

Leggi anche:

Stop alle mascherine all’aperto in tutta Italia: niente più obbligo da venerdì 11 febbraio

Franco Locatelli: «Niente mascherine? Forse a fine febbraio. In primavera il vaccino per la fascia 0-5 anni»

Covid: tutte le nuove regole su Green Pass, mascherine e vaccini da febbraio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *