decreto aiuti bis
News

Decreto Aiuti Bis: bonus 200 euro, decontribuzione e pensioni – Quando arriva e cosa prevede

Cosa prevede il Decreto Aiuti Bis e quando arriva?

Il governo Draghi, attualmente in carica per gli affari correnti, si sta occupando del Decreto Aiuti Bis: ma quando arriva e cosa prevede? Esso è volto a contrastare l’aumento del costo della vita. L’incremento delle entrate provenienti da Iva e dall’aumento dei prezzi dell’energia in concomitanza con l’inflazione, hanno portato ad un tesoretto di 14,3 miliardi di euro, che verranno stanziati per questo nuovo Decreto.

Ecco, allora, le novità.

Decreto Aiuti Bis: il bonus 200 euro

Dall’incontro con Cgil, Cisl e Uil a Palazzo Chigi è emersa la volontà di introdurre il nuovo bonus 200 euro all’interno del decreto Aiuti bis. Tuttavia, sembra sfumare la possibilità di portare avanti il bonus 200 euro già erogato a giugno e che inizialmente era previsto anche per un raddoppio ad agosto e a settembre.

Infatti, il nuovo bonus sarà introdotto soltanto per quelle categorie di lavoratori che ne erano rimasti esclusi: precari della scuola, lavoratori agricoli e stagionali. A chiederlo sono stati proprio i sindacati. Dunque, non tornerà il bonus per tutti i lavoratori e i pensionati che lo hanno già ottenuto nel mese di luglio.

Decontribuzione dei redditi

Nel provvedimento si prevedono degli interventi sugli stipendi. Infatti, il governo è al lavoro per garantire ai lavoratori l’aumento all’1% della decontribuzione de redditi fino a 35mila euro entro il 31 dicembre 2022. Questo si tradurrà in un aumento del netto in busta paga, elemento richiesto da Cgil, Cisl e Uil, che hanno infatti apprezzato l’impegno del governo anche in questo momento di crisi.

Per il momento, tuttavia, non sono ancora chiare le modalità operative di questa decontribuzione.

Intervento sulle pensioni nel Decreto Aiuti Bis

Per quanto riguarda le pensioni, il Decreto Aiuti Bis interverrà con un anticipo dell’aumento previsto per il 2023. Dunque, agirà sulla rivalutazione delle pensioni già dal mese di settembre 2022 (invece di gennaio 2023), per adeguarne l’importo all’inflazione.

A confermarlo sono i sindacati e il ministro del Lavoro Andrea Orlando, anche lui presente al tavolo di Palazzo Chigi.

Secondo quanto affermato dal sottosegretario all’Economia, Federico Freni, la rivalutazione dovrebbe essere attorno al 2%.

Decreto Aiuti Bis: beni di prima necessità, bollette e carburanti

Una delle ipotesi legate al nuovo decreto è il taglio dell’Iva dai beni di prima necessità. Tra questi, il governo starebbe pensando a pane e pasta, ma anche carne e pesce.

Un’altra importante misura a cui l’esecutivo sta lavorando da mesi è l’azzeramento degli oneri di sistema delle bollette, che in questo momento è previsto fino al terzo trimestre 2022. Ma con la proroga, esso verrebbe prolungato fino alla fine dell’anno.

Il taglio delle accise sui carburanti, invece, in questo momento è in vigore fino al prossimo 21 agosto, ma potrebbe esserci un nuovo intervento fino all’autunno per contrastare i prezzi delle materie prime.

Decreto Aiuti Bis: ecco quando arriva

Dunque, al momento si è in attesa che le misure si concretizzino nei prossimi Consigli dei Ministri. Il Decreto Aiuti bis potrebbe arrivare nei prossimi giorni, tra la fine di luglio e (più probabilmente) la prima settimana di agosto.

 

Leggi anche:

28 luglio, oggi è l’Earth Overshoot Day 2022: il Pianeta ha esaurito le sue risorse annuali

Carlo Calenda, chi è il leader di Azione: “Se Draghi non accetta mi candido a premier

 

Editor: Susanna Bosio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *