oligarchi
NEWS

Dove vanno gli oligarchi russi dopo la guerra?

Una volta le città europee erano la meta prediletta dei viaggi degli oligarchi russi, ma ora le sanzioni  hanno chiuso questa possibilità.

Parigi, Milano, Londra e Ginevra erano tra le destinazioni preferite dagli oligarchi russi prima dell’invasione dell’Ucraina del 24 febbraio scorso. Dopo le sanzioni imposte dall’UE e dagli UK i miliardari hanno deciso di andare altrove. Un articolo del New York Times svela dove.

Le nuove destinazioni

Come spiega l’articolo del New York Times (NYT) i miliardari russi hanno deciso di cambiare e hanno scelto come nuova meta preferita Dubai, o come la chiamano “Dubaisk”. I giornalisti del NYT hanno analizzato circa 2000 voli dei jet privati (e jet in leasing) degli oligarchi e hanno scoperto che la città degli Emirati Arabi è la nuova destinazione prediletta. Grazie al sito Radarbox.com è stato possibile tracciare i voli e si è scoperto che pre guerra solo il 3% dei voli privati dalla Russia avevano come destinazione Dubai. Pochi settimane dopo l’invasione quella percentuale è cresciuta intorno al 6% e ha raggiunto il 14% a fine maggio. Non solo Dubai, anche Istanbul, Tel Aviv, Baku e altre città dell’Asia centrale hanno registrato un aumento dei voli diretti dalla Russia. È evidente che le sanzioni occidentali hanno cambiato drasticamente le abitudini e la vita dell’élite russa. Però, nonostante le sanzioni e gli spazi aerei chiusi, gli oligarchi hanno continuato a volare in giro per il mondo. Hanno solo cambiato luoghi. Anche le multinazionali e le compagnie internazionali come Google e Goldman Sachs hanno riposizionato le loro attività da Mosca a Dubai, dice il NYT.

Le persone comuni

Parallelamente, molti cittadini russi sono scappati dalla Russia e si sono rifugiati nei Paesi limitrofi come Georgia, Armenia e Turchia. In particolare, giornalisti, attivisti e professionisti hanno dovuto trasferirsi per sfuggire alle persecuzioni.

Ora, a causa delle limitazioni imposte dall’Europa molte persone non hanno scelta”, ha detto Daria Poligaeva, una giornalista russa che si è trasferita a Dubai diversi anni fa e che ora vede arrivare un’ondata di connazionali. “È uno dei pochi posti in cui ora puoi trasferire la tua attività, dove c’è un mercato, dove puoi sviluppare la tua attività e dove hai ancora un mercato di società internazionali”, ha aggiunto.

Leggi anche:

Oggi Gazprom taglierà all’Italia il 50% delle forniture di gas

Vertice Russia Turchia: Lavrov ad Ankara per trattare lo sblocco del grano

Ue: il piano per ricostruire l’Ucraina con i beni confiscati agli oligarchi russi

 

Editor: Lorenzo Bossola

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.