Gran Premio F1 Singapore
Sport

Formula 1, Perez trionfa nel gran premio di Singapore davanti alle due rosse. Ennesimo disastro FIA

Checo perez vince dominando il Gran Premio di Singapore, ma non mancano le proteste della Ferrari per la gestione della gara da parte della FIA.

Due settimane fa la Ferrari arrivò seconda per colpa di scelte discutibili della FIA e a vincere fu la Red Bull. Il gran premio di F1 di Singapore ha lo stesso copione ma attori leggermente diversi.
Vince Perez che brucia Leclerc (ennesima pole position sprecata) in partenza senza mai perdere il comando della gara ma un errore da novellino, distanza da safety car non rispettata, rischia di compromettergli la vittoria e conseguentemente la classifica della F1. La FIA, 3 ore dopo la fine della gara, alle 2:00 di notte locale, assegna la vittoria sub iudice al messicano non penalizzandolo abbastanza.

La gara

In griglia per il Gran premio di f1 di Singapore le monoposto si presentano in quest’ordine: Leclerc, Perez, Hamilton e infine Sainz. Dopo la prima curva le posizioni erano cambiate: Perez, Leclerc, Sainz e quarto Hamilton. La parte destra della pista ha avuto problemi di grip in partenza, a causa forse di un cartellone con scritto “Singapore Airlines”. La gara prosegue poi a intermittenza causa fuoriuscite, problemi ai motori (male l’Alpine) e incidenti. Due safety car con in mezzo tre virtual safety car.

Più che una gara, è stato uno “squid game” con piloti che mano a mano venivano eliminati e si buttavano fuori. L’ultima safety car è quella su cui si è consumato il delitto. Perez ha mantenuto una distanza di sicurezza inferiore a quella stabilita di 10 monoposto, sanzione punita (come detto prima arrivata in colpevole ritardo) con 5 secondi di penalità. Il cavallino ne chiedeva 10, perché anche durante la prima safety car ha commesso lo stesso errore. Doppia infrazione, doppia punizione, ma così non è stato.

Gli ultimi giri

Data l’infrazione di Perez, i meccanici di Leclerc hanno spinto il monegasco per portarsi sotto i 5 secondi di distanza dal messicano in modo tale da vincere a tavolino ma la Red Bull vola e porta Perez a chiudere a 7.5 secondi di vantaggio.

3 ore, 180 minuti servono alla Fia per prendere una decisione democristiana che non cambia le sorti: solo 5 secondi a Perez, posizione finale invariata e il messicano che in ottica classifica si porta a 2 punti da Leclerc.

Verstappen conclude in “bruttezza” un weekend iniziato male e conclusosi peggio: una macchiolina in una stagione perfetta e già trionfante (manca solo la matematica) e anche hamilton che sbaglia, va lungo e arriva solo nono.
Terzo posto per un Sainz laconico non in grandissimo spolvero

La classifica

Al termine del gran premio di F1 di Singapore la classifica non vede nessun cambiamento rispetto alla settimana precedente. Verstappen è ancora primo ed è già pronto a stappare lo champagne in una delle prossime gare. Leclerc, eterno secondo, rischia addirittura di scalare in terza posizione essendo soltanto a +2 su Perez, fresco vincitore a Marina Bay ieri.
Grande lotta anche per il quarto posto, con Russell a 203 punti davanti a Sainz a 202, segue Hamilton a 170, deludente da inizio stagione.

 

Ormai il titolo del mondiale di Formula 1 è assegnato ma le prossime cinque gare possono ancora dire molto. Sia in termini di spettacolo sia in termini di posizionamenti, perchè ci sono ancora furenti posizioni da assegnare.
Le prossime gare serviranno anche a capire come le vetture arriveranno all’anno prossimo per rosicchiare terreno e secondi alle Red Bull ma soprattutto testeranno la professionalità e l’affidabilità di una federazione, la FIA, troppo lenta per tenere il passo di questa stupenda e velocissima competizione.
N.B: domani la FIA dovrà decidere che penalità applicare alla Red Bull per aver infranto il budget cap nella scorsa stagione. L’anno scorso all’ultimo giro dell’ultima gara della stagione presero una scelta pro Red Bull; a Monza favorirono la Red Bull non togliendo la safety car e anche ieri la penalità è servita soltanto a far festeggiare nel cuore della notte la scuderia austriaca. Vedremo se domani cambierà il copione o se ci saranno ulteriori polemiche.

 

Leggi anche:

Formula 1: nel weekend al via il gran premio di Singapore

F1 2022, la classifica piloti e costruttori aggiornata ad oggi: tutti i risultati del Mondiale di Formula 1

Serie A: risultati della terza giornata

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *