mam-e arte GIORNATA NAZIONALE DEI PICCOLI MUSEI AL MAiO arte recuperata
Arte

GIORNATA NAZIONALE DEI PICCOLI MUSEI

Al Museo dell’Arte in Ostaggio nuovi allestimenti interattivi tutti da scoprire

La Giornata Nazionale dei Piccoli Musei tra gli altri protagonisti vede il MAiO o Museo dell’Arte in Ostaggio e delle grafiche visionarie. Primo museo italiano che ha come scopo di recuperare i 1.641 tesori culturali ancora prigionieri di guerra. Cioè vuole recuperare i capolavori trafugati dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Nonché è il terzo museo nel mondo di questo tipo.

E’ stato sviluppato da un’idea del giornalista e scrittore Salvatore Giannella. Nonché ideatore e coordinatore del Premio Rotondi ai salvatori dell’arte. Il museo ospita pannelli dedicati in cui si sviscera un elencano di opere mai ritrovate. E una postazione multimediale con video 3D per rendere il visitatore protagonista di un’esperienza interattiva. Poiché tutta l’esperienza è stata concepita per far conoscere ed esplorare alcune delle opere trafugate. Infatti le trasforma in immagini rielaborate attraverso algoritmi e pennelli elettronici rendendole reali, ma al contempo distanti.

mam-e-rte-GIORNATA-NAZIONALE-DEI-PICCOLI-MUSEI-AL-MAiO-nazisti
Opere trafugate dai nazisti e finalmente recuperate.

Il museo trova i suoi spazi espositivi nel torrione del XVI secolo e negli spazi di Cascina Casale  in via Trieste 3 a Cassina de’ Pecchi- Milano.

Seconda Giornata Nazionale dei Piccoli Musei

Domenica 3 giugno 2018 sarà una giornata intensa. Infatti a tre anni dall’inaugurazione del MAiO e in concomitanza con la SecondaGiornata Nazionale dei Piccoli Musei  sarà presenta La Stazione delle Muse. Il nuovo allestimento interattivo del MAiO con installazioni di realtà virtuale e un videogioco. Entrambe le novità proposte hanno la finalità di coinvolgere sia i fruitori già appassionati, ma anche i ragazzi dai 13 ai 25 anni. L’allestimento sarà come sempre interattivo. Così  che i visitatori siano invitati a sperimentare.

Nel MAiO Virtual Museum l’utente viene condotto virtualmente all’interno di un’installazione di realtà virtuale. Infatti con l’utilizzo dell’apposito caschetto VR  il visitatore potrà intraprendere un itinerario guidato all’interno di un video a 360°. Qui l’utente potrà decidere di spostarsi all’interno dell’ambiente e di approfondire contenuti che più lo incuriosiscono.

Invece il MAiO Play è un vero e proprio videogioco multiplayer dove gli utenti esplorano ambienti e sbloccano contenuti culturali. C’è la possibilità di sfidarsi tra giocatori. Il protagonista avrà le sembianze di  una pallina che si muove all’interno di un ambiente tridimensionale onirico arricchito dai frammenti di memoria dei principali capolavori trafugati. Lo scopo? Ma raccogliere più frammenti in meno tempo possibile. Così da far uscire dal buio le opere trafugate. Insomma lo scopo ultimo è quello di rendere visibili in tutta la loro bellezza capolavori per ora ancora nascosti nell’ombra.

Programma

Il programma di domenica 3 giugno 2018 sarà ricco.

Si parte alle ore alle ore 16.00 con l’intitolazione della Corte del Casale a Pasquale Rotondi e Guglielmo Pacchioni. Due salvatori dell’arte durante l’ultima guerra. A seguire, spazio alla presentazione del progetto La Stazione delle Muse. Dopo stuzzichini, chiacchiere e vino si conclude la giornata con Musica delle opere dimenticate.

Per tutto il corso della giornata gli eventi saranno a ingresso libero.

Per maggiori informazioni è disponibile la pagina Facebook .

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!