juve inter polemica
Sport

Juve-Inter, la polemica: il furto in casa dei ladri?

Grande polemica dopo Juve-Inter, la squadra di Simone Inzaghi vince secondo lo “stile Juve”

Si tratta dell’ennesimo Juve-Inter che si conclude in polemica a cui si aggiungono le parole di Rabiot, dal rigore fatto ribattere alla gestione dei cartellini per arrivare al presunto rigore non dato alla Juve.

Juve-Inter, la polemica in campo per il rigore concesso poi sbagliato, il gol regolare poi annullato ed infine il rigore ribattuto.

Gli ultimi 10 minuti del primo tempo di Juve-Inter hanno un qualcosa di surreale ed è da qui che comincia la polemica. Il terzino olandese, Dumfries, entra in area e prende un pestone da parte di Morata. L’arbitro Irrati lascia proseguire il gioco, ma il pallone è uscito e gli animi cominciano a scaldarsi. Irrati decide assegna il rigore all’Inter. Fino a qui la solita polemica da parte dei giocatori della Juve che accerchiano l’arbitro.

Si posizione sul dischetto il centrocampista dell’Inter, Hakan Calhanoglu. Szczesny lo para ma dopo varie ribattute la palla entra in rete grazie a quello che sembra un autogol di De Ligt. L’arbitro annula il gol, che in realtà è assolutamente regolare, e fa ribattere il rigore all’Inter in quanto lo stesso difensore olandese è entrato in area prima del previsto andando così contro al regolamento. Questa volta il turco non lo sbaglia e l’Inter passa in vantaggio. Ma la polemica riguardante Juve-Inter di ieri sera non finisce qui.

juve inter polemica
Hakan Calhanoglu

La gestione di Irrati lascia a desiderare, la polemica di Juve-Inter

Oltre a tutta la situazione del primo tempo riguardante il rigore che ha portato in vantaggio l’Inter in casa della Juve e la conseguente polemica. Altre situazioni hanno fatto storcere il naso ai tifosi juventini. Tra cui il presunto mancato secondo giallo e di conseguenza rosso a Lautaro dopo il fallo su Chiellini ma in realtà per lo stesso motivo anche i tifosi interisti potrebbero lamentarsi. Anche il centrocampista francese Rabiot viene graziato da Irrati dopo un fallo su Lautaro che gli avrebbe procurato il secondo giallo e quindi l’espulsione. Infine, il presunto rigore su Zakaria per il fallo di Bastoni al limite dell’area che per alcuni è dentro mentre per altri no in quanto non esiste un immagine chiara.

Le parole di Massimiliano Allegri e Simone Inzaghi dopo Juve-Inter

Dopo il vantaggio dell’Inter abbiamo visto un Massimiliano Allegri inferocito che nella rabbia lancia la sua giacca per terra. Ma nel post partita di Juve-Inter sembra un’altra persona, nessuna polemica e si mostra pacato di fronte ai microfoni. Anzi sottolinea come l’Inter sia la favorita per la vittoria dello scudetto e come con questa sconfitta la Juve non possa essere considerata in lotta. Mentre Simone Inzaghi si presenta ai microfoni togliendosi qualche sassolino dalle scarpe. Conferma la fiducia della dirigenza dell’Inter nei suoi confronti definendo come dopo 3 pareggi tutto il bel gioco creato negli ultimi 7 mesi sia stato dimenticato. Infine sottolinea come per un comportamento molto meno impetuoso lui era stato espulso mentre Allegri non è stato neanche ammonito.

juve inter polemica
Massimiliano Allegri dopo il rigore

Il post polemica di Adrien Rabiot dopo Juve-Inter

La polemica si è spostata anche sui social. Grazie al post Instagram del centrocampista francese della Juve, Adrien Rabiot, accusa apertamente l’Inter di aver giocato in “11 v s 12”. Post su cui ha poi limitato i commenti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Adrien Rabiot (@adrienrabiot_25)

Leggi anche:

Inter, ufficiale il rinnovo di Marcelo Brozovic fino al 2026. Quanto prenderà di stipendio?

Italia fuori dai Mondiali per la seconda volta consecutiva, cosa non funziona nel sistema calcio italiano?

Serie A bilanci: un miliardo di perdite per le squadre italiane. Napoli unica squadre senza debiti

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *