La Locura Willie Peyote
Spettacolo,  TV

La Locura, Willie Peyote cita Boris a Sanremo 2021

Mai Dire Mai (La Locura), l’inedito di Willie Peyote è un omaggio alla serie Boris. Il pezzo è nono a Sanremo 2021, ma qual è il significato del testo?

Willie Peyote omaggia Boris, la creazione di Luca Manzi, al Festival di Sanremo 2021 con la canzone Mai Dire Mai (La Locura). Il rapper torinese è stato premiato da televoto e giuria con il nono posto nella classifica dei 26 big in gara, aggiornata alla seconda serata. Il brano prende le mosse dalla citazione di Valerio Aprea in Boris 3, la serie TV Made in Italy, la cui nuova attesissima stagione dovrebbe uscire in autunno su Disney+. Il testo è una critica sferzante ad un’Italia di apparenze e facciate, dietro cui si celano pochezza e ipocrisia. Tantissimi e attuali i riferimenti, da Bugo e Morgan al super trend Tik Tok.

scopri anche: Perchè Ermal Meta vincerà Sanremo 2021? Un milione di motivi da darti

 

Cover di Mai Dire Mai (La Locura)

 

Nono posto per il singolo di Willie Peyote a Sanremo 2021. Si punta alla vetta? Mai Dire Mai!

Ogni anno a Sanremo c’è sempre almeno un artista che, contrariamente a tutte le aspettative, arriva all’Ariston in punta di piedi e sbanca. Era toccato a Mahmood nel 2019, e prima ancora a Lo Stato Sociale nel 2018 e a Francesco Gabbani nel 2017. Quest’anno l’underdog di turno potrebbe essere Willie Peyote, al momento è nono nella classifica provvisoria, dietro proprio alla band di Lodo Guenzi e al duo Michielin-Fedez. Ma la sensazione è che il rapper possa scalare ulteriormente le posizioni, nelle prossime sere. L’inedito in gara, Mai Dire Mai (La Locura), pubblicato da Sugarmusic e co-scritto dal maestro Bestonzo, già collaboratore di Red Canzian, è un pezzo in pieno stile Willie Peyote. Sulla scia del rap italiano vecchio stile, da Frankie HI NRG MC a Salmo, il torinese classe ’85 mette alla berlina l’Italia contemporanea e le sue ipocrisie con rime incalzanti e l’immancabile ritornello accattivante.

 

Il significato e il testo de La Locura, si passa per Boris 3

Questa è l’Italia del futuro, un paese di musichette mentre fuori c’è la morte

Si apre così, con la voce fuoricampo di Valerio Aprea, Mai Dire Mai (La Locura); una sentenza, in cui inevitabilmente risuonano le canzonette del grande Bennato. La citazione, quanto mai profetica se si pensa agli eventi dell’ultimo anno, proviene dalla terza stagione di Boris, serie TV cult ideata da Luca Manzi e andata in onda nel 2010. Il concetto della locura, ripreso da Willie Peyote, è quella di mascherare il vuoto di idee e di spunti con una sana dose di pazzia, con una patina di paillettes, trash e finta euforia. Ecco quindi che il brano in gara al festival dà uno spaccato dell’Italia odierna, teatro dell’assurdo e dell’ipocrisia, dal siparietto BugoMorgan all’Ariston all’imperversare del twerk. E poi ancora, la perenne campagna elettorale in cerca di consensi e l’ostinata immobilità di teatri e concerti mentre negli stadi si gioca.

Willie Peyote non le manda a dire, le sue parole sono pungenti, così come lo è la serie a cui si è ispirato. E in attesa della quarta stagione di Boris, in uscita il prossimo autunno su Disney+, qui il testo completo di Mai Dire Mai (La Locura).

 

 

Leggi anche:

NESLI A SANREMO 2021: NOME, ETÀ E CARRIERA DELL’OSPITE DI STASERA, FRATELLO DI FABRI FIBRA

SANREMO 2021 PAGELLE DELLA DIRETTA: ELODIE PROTAGONISTA DELLA SECONDA SERATA

ELODIE SORPRENDENTE CON IL SUO LOOK A SANREMO 2021 DURANTE LA SECONDA SERATA

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.