ucraina profughi russia
News

La Russia “adotta” i figli dei profughi dell’Ucraina 22

1700 minorenni non accompagnati ucraini sono “profughi” in Russia. Mosca semplifica le procedure di adozione per combattere il declino demografico

Secondo l’Alto commissariato per i profughi dell’ONU, sono circa 920 mila i profughi che sono scappati dall’Ucraina per andare in Russia. 200 mila di questi sono minorenni e almeno 1700 sono non accompagnati dai genitori o tutori perché morti, dispersi o irraggiungibili. Mosca ha velocizzato le procedure di adozione per contrastare il declino demografico che ormai sta affliggendo la Russia con un metodo poco ortodosso.

I profughi dell’Ucraina in Russia

Il numero di profughi ucraini che si sono rifugiati in Russia sembra esorbitato, dato che è la Russia è il paese aggressore che ha incominciato la guerra, ma solo in pochi lo hanno fatto liberamente. Per molti la scelta di superare il confine russo era obbligata perché rappresentava l’unico modo per sfuggire alle bombe e ai carri armati dell’esercito di Mosca.

Come riporta Federico Fubini de Corriere della Sera, una nota del Commissariato, organo alle dipendenze di Putin, ha dato il via libera alle adozioni sistematica di bambini e bambine ucraini da parte di famiglie russe. Ovviamente, l’operazione viene presentata come un aiuto umanitario, i minori saranno anche inseriti in programmi formazione, ma per Kyiv è un sopruso e un furto.

“È una violazione, vogliono far adottare in Russia i figli della nostra Nazione dopo averli deportati. Il nostro governo sta valutando un ricorso internazionale contro queste misure”, ha commentato dal World Economic Forum di Davos la parlamentare ucraina di opposizione Yulia Klymenko.

Nel piano d’adozione rientrano i bambini profughi con “cittadinanza delle repubbliche di Donetsk e Lugansk o dell’Ucraina”. Ma la Russia considera facenti parte del Donbas ampie porzioni di suolo ucraino, tra cui Mariupol.

“Sta diventando plausibile che nella Russia di oggi il potere politico senza il bisogno di ampliare la platea del pubblico indottrinabile e di crescere giovani che vadano a rafforzare l’esercito”, osserva Andrei Kolesnikov, responsabile del programma Russia del Carnegie Endowment for International Peace a Mosca, come riporta Fubini. Le conseguenze di questo piano di Mosca si vedranno in futuro, ma a farci le spese saranno sicuramente i bambini.

Leggi anche:

ONU, Di Maio presenta un piano in 4 tappe per la pace in Ucraina

Dmitrij Suslov, il consigliere di Putin: «Si rischia una guerra infinita a bassa intensità»

Stop alle forniture di gas alla Finlandia. aumenterà le basi militari nel distretto occidentale

 

Editor: Lorenzo Bossola

NEWSLETTER

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

SUPPORTA MAM-E