Italia Spagna Nations League
Sport

Nations League: ecco i 23 Azzurri convocati per Italia-Spagna

Nations League, Mancini convoca 23 Azzurri: out Kean e Zaniolo. Tornano Pellegrini e Raspadori

La prossima settimana la Nazionale di Roberto Mancini tornerà di nuovo in campo. C’è infatti la fase finale di Nations League, con gli Azzurri impegnati in semifinale contro la Spagna. Esattamente tre mesi dopo, i campioni d’Europa si affrontano di nuovo con la Roja di Luis Enrique. Una sfida che non smette mai di attirare tanti tidosi: secondo le ultime notizie, infatti, i biglietti endutio per Italia-Spagna del prossimo 6 ottobre sono più di 22.000 ma si è convinti che il Meazza possa arrivare a essere soldout.

In serata, i canali social della Nazionale hanno reso noto la lista dei 23 convocati da mister Mancini che a partire dalla prossima settimana si riuniranno al Suning Training Center di Appiano Gentile, luogo di allneamento dell’Inter. Saranno dunque tre giocatori in meno rispetto ai 26 che hanno fatto emozionare il Paese a Euro2020. Tra le novità riguardano la difesa: non ci saranno i terzini Florenzi e Spinazzola, così come a centrocampo risulta assente l’interista Sensi, ancora alle prese con l’infortunio. Nella mediana tuttavia c’è il grande ritorno di Pellegrini, che alla vigilia dell’Europeo aveva dovuto lasciare il gruppo per via di un infortunio come Sensi. In attacco Mancini ha escluso Moise Kean e Zaniolo, preferendo tenere invece il giovane Raspadori del Sassuolo.

Italia-Spagna: i precedenti di un derby mediterraneo mai banale

Martedì sera allo stadio di San Siro con la semifinale di Nations League avrà luogo l’ennesima sfida tra la Nazionale italiana e quella spagnola. Nell’almanacco di questo derby dal sapore prettamente mediterraneo, le due compagini hanno sempre disputato partite molto intense, dietro le quali spesso vi erano importanti poste in gioco. La prima volta che l’Italia incontrò la Roja fu nel 1920 alle Olimpiadi di Anversa: il risultato si concluse con la vittoria della Spagna per 2-0. Seguirono poi altre 36 partite, terminate con 11 vittorie a testa e 16 pareggi. Alcune di queste hanno dato lustro alla ripresa del Belpaese, come la recente vittoria in semifinale di Euro 2020 ai calci di rigore. Altre hanno lasciato l’amaro in bocca, come la finale di Euro 2012 persa nettamente contro la Spagna forse più forte di sempre.

Ci sono poi state delle amichevoli che hanno rivestito un ruolo importante in una fase storica del Paese molto delicata. E’ il caso della partita Spagna-Italia giocata al Bernabeu il 27 marzo 1949: in un contesto di ricostruzione post-guerra, il calcio giocò un ruolo importante per la rinascita sociale ancor prima che economica. La nostra compagine Azzurra, formata quasi tutta dal leggendario Grande Torino, andò a Madrid a dare un’autentica lezione di calcio agli iberici. Sarebbe stata l’ultima, poiché un mese più tardi gran parte di quella gloriosa squadra perì nella triste tragedia di Superga. Archiviati i ricordi, ora tocca alla Nations League scrivere un nuovo capitolo di questa rivalità calcistica senza fine.

 

LEGGI ANCHE:

Champions League, Juve-Chelsea: Chiesa distrugge i Blues

F1, il GP del Qatar entra nel calendario

MotoGP, tutto sul GP di Austin: statistiche e curiosità

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.