offensiva su Kiev
Attualità,  News

Nuova offensiva su Kiev: guerra verso il punto di non ritorno

La guerra tra Ucraina e Russia appare oltre il punto di non ritorno. La nuova offensiva su Kiev promossa da Mosca, all’indomani della schiacciante vittoria di Vladimir Putin alle elezioni presidenziali russe, sembra infatti poter segnare in maniera definitiva le sorti di un conflitto annoso e complesso.

Molti analisti bellici ritengono infatti che questa nuova forte conferma interna a favore dello zar russo possa incidere pesantemente anche sugli sviluppi futuri della guerra in Ucraina. Le prossime settimane con la primavera alle porte si preannunciano probabilmente decisive per capire come si potranno delineare le nuove dinamiche belliche e politiche.

In procinto di essere avviata da Mosca vi sarebbe in particolare una nuova imponente offensiva militare. L’esercito sovietico potrebbe approfittare della bella stagione e di una linea difensiva ucraina sempre più in sofferenza.

Nel frattempo le accuse si susseguono da ambo le parti, con l’ultimo episodio controverso riguardante l’abbattimento di un elicottero ad opera di un drone. Da Kiev si grida alla messinscena, parlando di operazione false-flag ordita dal Cremlino.

Nuova offensiva su Kiev guerra verso il punto di non ritorno
Nuova offensiva su Kiev guerra verso il punto di non ritorno

Nuova offensiva su Kiev dopo la conferma di Putin come presidente

Si fa strada l’ipotesi di una nuova importante offensiva su Kiev. Questo almeno quanto sembrerebbe trapelare da ambienti vicini a Mosca, dove la recente vittoria alle elezioni presidenziali da parte del leader Vladimir Putin avrebbe rinsaldato il fronte più estremista del contingente sovietico.

La Russia nuovamente compattata intorno al suo presidente, rieletto con percentuali prossime al 90, starebbe lavorando ad un nuovo attacco militare in direzione di Kiev. L’esercito del Paese orientale potrebbe approfittare in tal senso della stagione primaverile e delle difese ucraine apparentemente ridotte allo stremo.

Il caldo e le aumentate possibilità logistiche in merito all’azione bellica potrebbero favorire infatti l’enorme arsenale russo, e condurre il conflitto in Ucraina verso una svolta forse decisiva. A sostenerlo sono tanti analisti militari internazionali, concordi nel ritenere le prossime settimane probabilmente decisive.

Peraltro le procedure volte a rendere concreta una nuova offensiva russa verso Kiev sono già iniziate. I russi hanno infatti ammassato truppe e mezzi verso Avdiivka, il cui territorio è stato recentemente fatto proprio. Anche in caso di resistenza accanita da parte delle fiaccate linee difensive ucraine il rischio è che il costo in termini di vite umane sia spaventoso.

Quadro quest’ultimo certamente reso ancora più fluido dopo la conferma a presidente russo di Putin. A tal proposito non si è nascosto il leader ucraino Volodymyr Zelensky che ha parlato di “elezioni illegittime”. Al numero uno del Cremlino è invece arrivata la telefonata di complimenti del fidato alleato bielorusso Alexander Lukashenko.

Nuova offensiva su Kiev guerra verso il punto di non ritorno
Nuova offensiva su Kiev guerra verso il punto di non ritorno

Nuova offensiva su Kiev: l’operazione false-flag e l’obbiettivo politico

La nuova offensiva su Kiev da parte dell’imponente macchina bellica russa avrebbe un chiaro obbiettivo politico. Le parole di qualche giorno fa da parte del vicepresidente del Consiglio di Sicurezza sovietico Dmitry Medvedev sembrano spingere proprio in tale direzione.

Esigenza russa, più che reale e diretta conquista di nuovi territori, sarebbe quella di mostrare all’avversario ucraino l’inutilità di qualsivoglia resistenza militare, e mettere per contro in luce la forza nettamente superiore del proprio fronte, impareggiabile nonostante tutti gli sforzi difensivi messi in atto da Kiev.

Va letta in questa direzione anche l’operazione definita false-flag andata in scena nelle ultime ore in Transnistria. Da Kiev si è parlato di messinscena sovietica, con Mosca che avrebbe inviato un drone ad abbattere un vecchio elicottero, cercando di farne ricadere la responsabilità proprio sul governo ucraino.

Nuova offensiva su Kiev guerra verso il punto di non ritorno
Nuova offensiva su Kiev guerra verso il punto di non ritorno

Conclusione: pronta una nuova offensiva russa su Kiev. A 3 mesi dall’inizio dell’anno la guerra sembra andare verso il punto di non ritorno

Leggi anche:

Putin confermato presidente: vittoria con l’87% dei voti

Cresce la tensione Meloni-Salvini: nodo diventa l’amicizia con la Russia di Putin

Schianto aereo a Belgorod: botta e risposta Ucraina-Russia

NEWSLETTER

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

SUPPORTA MAM-E