Pesce artificiale
Hi Tech,  Lifestyle

Pesce artificiale, creato ad Harvard il primo pesce che nuotando simula il battito cardiaco

Pesce artificiale, primo esperimento che simula il battito del cuore umano

Primo pesce artificiale nel mondo della scienza creato ad Harvard grazie ad uno studio. Il gruppo di ricercatori dell’università di Harvard, collaborando con la Emory University, ha simulato il battito cardiaco in un pesce bioibrido. Il pesce è stato creato con cellule staminali umane. Nuota a destra e a sinistra ma lo fa in modo costante, con un determinato ritmo: quello del cuore umano.

L’obiettivo del primo pesce artificiale

Per la prima volta degli scienziati sono riusciti a riprodurre in modo artificiale la contrazione del muscolo cardiaco in un sistema bioibrido che si auto alimenta. Questo rappresenta il primo passo verso la creazione di organi artificiali. Il pesce artificiale può inoltre servire come modello per studiare le anomalie del cuore umano. L’obiettivo finale del progetto rimane quello di costruire un cuore artificiale che vada a sostituire un cuore danneggiato.

Gli scienziati puntano a costruire un cuore artificiale che serva a sostituire il cuore malformato di un bambino, come ha affermato Kit Parker, professore presso la SEAS (Harvard John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences).

Come spiega l’articolo su Science i pesci bioibridi hanno mostrato un aumento e miglioramento delle prestazioni rispetto ai precedenti sistemi bioibridi. Hanno inoltre portato informazioni aggiuntive su come la segnalazione meccano-elettrica può essere utilizzata per l’azionamento muscolare autonomo.

Pesce artificiale
Movimento del pesce

 

Come funziona il meccanismo bioibrido

Per il progetto di questo pesce artificiale il team di ricercatori si è ispirato al pesce zebra. Il pesce bioibrido ha due strati di tessuto muscolare, uno strato si contrae e l’altro si allunga. In questo modo si genera un meccanismo che si alterna continuamente e che permette al pesce di nuotare in maniera autonoma per 100 giorni.

Il pesce artificiale nel corso del tempo migliora le sue prestazioni. Aumentano la velocità e la coordinazione man mano che le cellule cardiache maturano. Quando il pesce bioibrido è completamente sviluppato nuota con la stessa velocità ed efficacia di un pesce zebra naturale.

 

Leggi anche:

AUTOCOSCIENZA DEI ROBOT, NON È PIÙ FANTASCIENZA

Mario Draghi al Gran Sasso: «30 miliardi investiti in istruzione e ricerca. Poche le donne nella scienza»

Agricoltura biodinamica via dal biologico: ora la scienza esulta

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.