Positivi alla scala
Attualità

Positivi alla scala ballerini No vax, a rischio la prima

Nuovo focolaio alla scala tra i ballerini no Vax: è a rischio la Prima de La Bayadère

Positivi alla scala 12 ballerini, 9 erano no vax. Più di un quarto degli ottanta componenti del corpo di ballo del teatro non è ancora vaccinato: ora tutti sottoposti a tamponi molecolari.

Focolaio alla scala, sono molti i positivi

Alla Scala più di un quarto del corpo di ballo, ovvero ottanta danzatori, non si è ancora vaccinato. Alcuni maître de ballet No Vax, hanno provocato il nuovo focolaio di Covid, che mette a rischio la Prima di La Bayadère di Ludwig Minkus, che dovrebbe aprire mercoledì 15 la stagione di balletto del Piermarini.

La notizia non è ancora certa. Il teatro sta aspettando l’esito dei nuovi esami per prendere le decisioni. Per ora, in totale, i positivi alla scala sono 12 ballerini di cui 9 risultano non vaccinati.

Il contagio

Solo oggi si conoscerà l’esito dei tamponi molecolari a cui sono stati sottoposti danzatori, sarte, truccatori e tutti coloro che hanno che fare con questa produzione. Il tutto dopo l’isolamento scattato per venti comparse in seguito al fatto che quattro erano risultate positive, di cui una sarebbe stata in contatto stretto con un maître de ballet non vaccinato.

Fino a pochi giorni fa infatti era obbligatorio il tampone ogni ventiquattro ore per i ballerini e non per gli insegnanti, i quali sono tenuti a indossare la mascherina durante le prove.

I positivi alla scala sono anche due ragazzi che frequentano l’Accademia, i quali hanno fatto cancellare la partecipazione degli allievi allo spettacolo.

Ieri si è svolto un nuovo incontro tra i vertici del teatro e i sindacati per valutare se sarà necessario adottare un nuovo protocollo, ammesso che lo spettacolo possa andare in scena. I ballerini finora godevano, a differenza dei coristi, di meno restrizioni, pur facendo parte del cosiddetto “gruppo rosso” per via dei contatti inevitabili in prova e in scena.

Il corpo della scala a ogni modo non si è mai mostrato molto propenso all’introduzione del Super Green Pass. Finora solo 400 dei 900 dipendenti hanno votato a favore della sua introduzione. Resta da capire se alla fine sarà necessario non solo rinviare la prima di La Bayadère, ma anche cambiare il cast dei protagonisti. Alcuni di loro potrebbero avere avuto contatti stretti con i contagiati.

Leggi anche:

La Prima della Scala, Giorgio Armani: «La riapertura della Scala mi riempie di gioia»

La Bayadère” di Rudolf Nureyev per la prima volta alla Scala di Milano

Prima della Scala 2022: alla Scala di Milano l’anno prossimo torna Mozart?

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.