Turismo italia 2023
Lifestyle,  Viaggi

Previsioni sul turismo in Italia nel 2023

Se il 2020 e il 2021 sono stati degli anni bui per il turismo, ed il 2022 è stato timido, come sarà il 2023?

Dopo aver confrontato i dati del turismo in Italia del 2019 e del 2022 – negli articoli pubblicati il 26 e il 30 agosto –  Mam-e.it fa una previsione sull’andamento del turismo nel 2023. Gli italiani dove sceglieranno di andare in vacanza? Ma soprattutto, i turisti stranieri sceglieranno la nostra terra come meta delle loro vacanze?

Turismo in Italia nel 2023: cambieranno le abitudini degli italiani?

Il turismo, in Italia, rappresenta la risorsa più preziosa dell’economia. Infatti alle attività turistiche sono riconducibili quasi il 13% del PIL e circa il 15% degli occupati del Paese. La pandemia e il conflitto russo-ucraino hanno messo in crisi l’economia di ogni paese e hanno cambiato – forse – le abitudini dei cittadini. Secondo l’ EY Future Travel Behaviours, ci sono stati dei cambiamenti nei comportamenti e nelle preferenze dei viaggiatori. Anche se, il 60% degli italiani manterrà le stesse abitudini del 2019, tornando a viaggiare in Italia e all’estero. Anzi, nel caso degli italiani, 1 su 4 ha dichiarato di voler aumentare il numero dei viaggi.

Nuove strategie per ampliare il turismo

Alcune regioni iniziano a mettere in piano delle strategie per aumentare i dati del turismo nel 2023. Si inizia a pensare a nuovi progetti e a nuove iniziative, come quella chiamata “2023 Anno del Turismo di Ritorno”.« 2023 Anno del Turismo di Ritorno è un’iniziativa nazionale ed internazionale che tende a coinvolgere i nostri connazionali all’estero di seconda, terza e quarta generazione. Noi vogliamo invitare tutti i nostri connazionali a rientrare in Italia, inizialmente per turismo. Questa è la leva iniziale. Ma l’obiettivo è quello di far conoscere ai nostri connazionali il piacere di rientrare in Italia per potere avere rapporti con le nostre imprese, con i nostri connazionali e riscoprire tutti i nostri borghi e le nostre terre da dove sono partiti i loro avi». Lo dichiara Michelangelo Lurgi, presidente Rete Destinazione Sud. Questo progetto, 2023 Anno del Turismo di ritorno, rappresenta la prima parte del piano quinquennale 2023-2028, al quale, hanno già aderito sei regioni: Calabria, Molise, Abruzzo, Marche, Campania e Lazio.

Vacanze sempre più green ed ecosostenibili

Molto interessante è il nuovo trend, nato negli ultimi anni e destinato a crescere nei prossimi. Stiamo parlando dei viaggi sostenibili. La Global Travel Summit 2022 di Allianz Partners, dichiara che sei famiglie su dieci, con membri tra i 25 e i 40 anni,  sceglieranno dei viaggi con il minor impatto ambientale. Infatti, sono sempre di più gli italiani interessati alle vacanze green, che tutelano il territorio.

Leggi anche:

Turismo estate 2022 in Italia: non benissimo

Venezia, ticket per l’ingresso a pagamento: quanto costa per i turisti e come funziona

Panarea limite ai turisti pendolari

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.