centrodestra quirinale
NEWS

Quirinale: centrodestra diviso e fuori controllo dopo la fumata nera su Casellati, e ora?

Il centrodestra si spacca sul Quirinale: nessuna compattezza

Regnano caos e confusione all’interno del centrodestra per le elezioni al Quirinale. Quinta fumata nera. Anche il nome di Elisabetta Casellati, proposto da Salvini, non raggiunge il quorum di 505 voti e si ferma a 382. Un altro nome bruciato, un’altra votazione senza risultati chiari se non la massima confusione tra i Grandi Elettori.

I voti di oggi dimostrano quanto il centrodestra sia ormai fuori controllo. Salvini, Meloni e gli alleati non sono in grado di tenere insieme i propri voti. Altro che compattezza.

centrodestra quirinale

Il centrodestra si spacca sul Quirinale: ultima opzione Draghi

«Il centrodestra da oggi non esiste più. Il quadro politico ne esce rivoluzionato. Bisogna aprire un nuovo spazio politico dove siano protagonisti Renzi, Toti, Berlusconi e Calenda. La politica italiana trarrebbe vantaggio dalla nascita di un centro che abbia equilibrio, concretezza e ragionevolezza. Con la sinistra che torna a fare la sinistra e la destra che uscirebbe fuori da ogni equivoco». Queste le parole di Osvaldo Napoli, di Coraggio Italia.

Matteo Renzi, che si sarebbe incontrato con Salvini in mattinata, chiede che venga fatto immediatamente un altro nome che porti alle elezioni.

Secondo Massimiliano Cencelli, storico funzionario della Dc, «oggi come oggi la soluzione è Draghi, in fin dei conti il Presidente del Consiglio lo ha fatto bene». Ha inoltre aggiunto che, a suo parere, l’ipotesi Casini è ormai tramontata.

Della stessa idea su Draghi è anche Luigi Brugnaro, leader di Coraggio Italia.

Quirinale: il centrodestra cerca i franchi tiratori, prossima chiama alle 17

A seguito dell’ennesima fumata nera, nel centrodestra è iniziata la caccia ai franchi tiratori. Ma i partiti della coalizione si smarcano. La Lega ha assicurato che tutti i propri 208 voti sono andati a Casellati. Ma Ignazio La Russa afferma: «I voti che ha espresso il centrodestra sul nome della presidente del Senato sono inferiori ai propri numeri. C’è qualcuno che se ne frega dei valori del centrodestra e pensa ad altre cose». Sono 71 i voti mancanti nella coalizione, che conta 453 grandi elettori.

Si procederà, dunque, alle 17 con la sesta votazione in seduta comune. Si sta tenendo in questi minuti una riunione informale tra Leu, Pd e M5S per fare il punto della situazione sulla prossima chiama. Italia Viva fa notare che ormai la rosa di nomi si stringe su Pier Ferdinando Casini, Sergio Mattarella e Mario Draghi.

 

Leggi anche:

Com’è andata la quinta chiama? Vediamo i risultati. Casellati pesantemente sconfitta

Casellati Presidente della Repubblica? Alcuni dei tanti motivi per cui non è eleggibile

 

Editor: Susanna Bosio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.