presidente della repubblica donna
NEWS

Quirinale: cresce l’ipotesi di una Presidente della Repubblica donna, via alla petizione dell’Aidda

Nuova ipotesi per il Quirinale: una Presidente della Repubblica donna

Presidente della Repubblica donna: sogno irraggiungibile o possibile realtà?

Nell’ultimo periodo dai sondaggi si cerca di capire chi sarà il nuovo Presidente della Repubblica Italiana, che andrà a sostituire Sergio Mattarella il prossimo febbraio 2022. Ma si profila sempre più la possibilità che il nostro Paese venga governato da una donna. E questo sarebbe forse la spinta finale per caratterizzare anche l’Italia di modernità e parità di genere.

I tempi ormai sono maturi. Infatti, da Napoli è arrivata una campagna con tanto di petizione online, chiamata Una donna al Quirinale, da parte di imprenditrici e manager riunite nell’assemblea Aidda (Associazione delle donne dirigenti d’azienda). La presidente, Antonella Giachetti, precisa che «non si può immaginare un futuro senza leadership femminili; è una scommessa sui valori, a cominciare dalla cura della società, della politica e delle istituzioni».

Presidente della Repubblica donna: sette virtù fondamentali

Nel testo della petizione online si leggono le sette virtù presidenziali che una donna deve acquisire per aspirare al Colle. Secondo Antonella Giachetti le donne ai vertici istituzionali e dell’imprenditoria sono ancora troppe poche, ma sono quelle che danno maggiore esempio di sostenibilità sociale, economica e ambientale.

presidente della repubblica donna

Quindi, il primo requisito è la capacità di tenere il Paese unito. “Draghi sarebbe quasi perfetto se accanto avesse una politica donna”, sostengono le imprenditrici. Seconda virtù è, invece, uno sguardo glocal, cioè planetario ma sempre legato alle radici.

Terza sono l’ascolto e l’empatia, principi in generale poco utilizzati nel mondo della politica. La quarta virtù è riferita ovviamente alla conoscenza profonda del quadro costituzionale, giuridico e cosmopolita. Quinto principio è il rispetto del ruolo di super partes, che va di pari passo con la capacità di unire.

Sesta virtù è l’attenzione ai concetti di cura e di One Health. E, infine, il settimo principio coincide con un’ottima forma psico-fisica, perché il senso dell’equilibrio è fondamentale.

Presidente della Repubblica donna: da Cartabia a Casellati

Cominciano a profilarsi i primi nomi femminili per una possibile candidatura al Quirinale. Nei sondaggi, l’attuale Ministra della Giustizia Marta Cartabia si trova al terzo posto dopo Berlusconi e Draghi, con una preferenza del 10%. Ma vediamo al 4% anche Maria Elisabetta Alberta Casellati, Presidente del Senato. Ed emergono anche i nomi di Bonino, Meloni e Capua.

«Anche se i vecchi e polverosi schemi avessero la meglio», le imprenditrici dell’Aidda sperano con questa campagna di dare la spinta per un cambio di paradigma da cui raccogliere frutti nei prossimi sette anni.

 

Leggi anche:

Quirinale: chi sarà il nuovo Presidente della Repubblica?

Berlusconi al Quirinale: quanto è realizzabile questa possibilità

Reddito di cittadinanza: Berlusconi è favorevole, «aiuta i più poveri»

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *