Come si ride a Napoli
Spettacolo

Renzo Arbore insegna come si ride a Napoli

Come si ride a Napoli! Il popolare autore e presentatore sarà protagonista di una serata all’Auditorium di Roma con Vittorio Marsiglia, erede della grande tradizione macchiettistica partenopea

Dopo aver contribuito con la sua Orchestra italiana a rinverdire in patria e nel mondo i fasti della canzone d’autore napoletana, Renzo Arbore passa ora al brano umoristico, alla “macchietta“, ingiustamente sottovalutata e in passato confinata fra i generi “minori” della napoletanità. “La macchietta contiene tutti gli ingredienti del miglior umorismo, e poi affianca in maniera decorosissima la canzone napoletana”, spiega invece Arbore nella prefazione del volume Come si ride a Napoli!, edito da B.C. Dalai editore (208 pagg + Dvd, 20,90 euro), che sarà presentato mercoledì 22 dicembre al Teatro Studio dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, con inizio alle 18,30.

Con Arbore salirà sul palco l’attore e cantante Vittorio Marsiglia. Egli ha all’attivo svariate collaborazioni di pregio sia a teatro che al cinema e in televisione. “Marsiglia – spiega il popolare presentatore – è il più antico, il più attuale, il più futurista degli interpreti della tradizione napoletana più preziosa che è la macchietta o anche la canzone semplicemente umoristica”. Suo è il Dvd – registrato recentemente al Teatro Augusteo di Napoli- che accompagna il testo, curato da un esperto studioso del genere come Carlo Missaglia.

Il sottotitolo del volume

Il sottotitolo del volume, Piccola antologia della canzone umoristica antica e più moderna, dice molto della sua genesi. Conferma una delle passioni di Arbore per i titoli fulminanti, sempre venati da una sana ironia. Ma al di là degli aspetti storici e filologici che giustamente sottendono l’opera, è ancora il geniale autore di Alto gradimento, Quelli della notte e Indietro tutta! che ci introduce nello spirito del volume e della serata in programma all’Auditorium, ricordandoci che, di quando in quando, farsi “due buone risate” fa sempre bene, in particolare in questo momento. “La macchietta nasce per prendere in giro chi si prende troppo sul serio. E anche questo ci serve”, aggiunge. Verrebbe da chiosare, proseguendo nel gioco delle citazioni: “Meditate, gente, meditate.”

Www: la scheda dell’opera
Www: acquista il libro con il 30% di sconto speciale

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!