rocketman
Spettacolo,  TV

Rocketman, il musical su Elton John, in prima visione Mediaset

Rocketman, il musical sulla vita di Elton John, arriva finalmente in prima visione sui canali Mediaset. Trama, trailer e informazioni sul film più eccentrico e glam della serata

Arriva finalmente in televisione Rocketman, il biopic musicale sulla vita di Elton John dalla sua infanzia fino al ricovero in una clinica di riabilitazione negli anni ’80. Il film è stato diretto da Dexter Fletcher e vede Taron Egerton nei panni di Elton John. La pellicola ha vinto un premio Oscar per la migliore canzone durante le premiazioni del 2020. Il film andrà in onda questa sera, 28 gennaio, alle 21.46 su Canale 5.

Rocketman: trama e trailer del film

Il film comincia negli Stati Uniti nel 1983. Elton John, ancora con il costume di scena, entra in un centro di riabilitazione perché depresso e stanco del suo continuo abuso di alcol e droghe. Per stare meglio, comincia a parlare della sua vita attraverso flashback. Si torna quindi negli anni ’50, quando Reginald Dwight (vero nome di Elton) è solo un ragazzino che vive con la madre e la nonna. Il padre è un ufficiale dell’esercito britannico spesso assente, ma anaffettivo le poche volte che è a casa. Il piccolo Reginald vive un’infanzia infelice, in cui apparentemente è solo la nonna a volergli bene.

Mostra però presto un gran talento per il pianoforte, iniziando a suonare a orecchio. Qualche anno più tardi, appoggiato dalla nonna, si iscrive alla Royal Academy of Music. Successivamente si appassiona al rock e comincia ad esibirsi in vari locali londinesi. Quando incontra un manager, che in quei giorni ospita una band di cantanti afroamericani, decide di cambiare il nome in Elton John. Comincia a scrivere canzoni e di tentare la sorte con la casa discografica DJM Records. Nel 1964 incontra Bernie Taupin, scrittore di testi: i due vanno subito d’accordo e cominciano a lavorare assieme. La svolta avviene nel 1970, quando Elton compone Your Song su testo di Bernie: è un successo enorme che li porta alla fama internazionale.

Vanno quindi in America, dove la critica acclama Elton, che diventa sempre più popolare. Nel frattempo, il cantante sta venendo a patti con la sua sessualità. Dopo che Bernie lo ha lasciato solo per una ragazza, Elton conosce il manager John Reid, con cui ha un rapporto. La relazione tra i due continua non senza ostacoli, poiché Elton si affeziona e si fida immediatamente di Reid, mentre il manager lo sta più che altro sfruttando.

Elton allora comincia a cadere nel tunnel dell’alcol e della droga, aiutato dalle continue delusioni a livello personale: il padre si è rifatto una vita e da ai suoi figli ciò che non ha mai dato a lui, la madre gli dice che, essendo gay, nessuno lo amerà mai. È inoltre più evidente ogni giorno che passa che Reid lo stia solo sfruttando e non provi dei veri sentimenti per lui. Lo costringe infatti a continuare con i concerti, nonostante peggiori di giorno in giorno, fino ad arrivare al tentativo di suicidio.

Dopo aver litigato anche con Bernie e aver troncato la loro amicizia, Elton esagera con le droghe e ha un attacco di cuore. Le cure arrivano immediatamente, così da poter continuare con i concerti che Reid ha organizzato. Elton, però, prima di salire in scena, capisce che non è questa la vita che voleva e abbandona il palco per entrare nel centro di riabilitazione. Si torna quindi all’inizio, Elton riesce a fare pace con il suo passato e a perdonare sé stesso. Fa anche pace con Bernie, l’unico che lo ha davvero amato a parte la nonna, e pian piano si rende conto di non aver bisogno di droghe per comporre.

rocketman
Taron Egerton in una scena del film

Cast e produzione

Nel cast, oltre a Taron Egerton nei panni di Elton John, troviamo:

  • Jamie Bell nei panni di Bernie Taupin;
  • Richard Madden nei panni di John Reid;
  • Bryce Dallas Howard nei panni di Sheila Dwight, la madre di Elton;
  • Gemma Jones nei panni di Ivy, la nonna;
  • Steven Mackintosh nei panni di Stanley Dwight, il padre.

Elton John e suo marito, David Furnish, volevano creare un film basato sulla vita del cantante da almeno vent’anni. Il progetto ha fatto fatica a decollare perché gli studios volevano che fosse un film adatto anche ad un pubblico più giovane. Nel 2017, finalmente, è stato annunciato Taron Egerton come attore principale. Durante l’editing di Kingsman: The Golden Circle, infatti, Matthew Vaughn aveva sentito parlare del progetto e se ne era interessato, ma aveva posto come condizione l’ingaggio di Egerton. Il film inoltre non è un semplice biopic, ma è un vero e proprio musical.

rocketman
Taron Egerton in una scena del film

Rocketman ha infatti cavalcato sicuramente l’onda del successo di Bohemian Rhapsody, il fortunatissimo biopic musicale diretto da Bryan Singer con Rami Malek nei panni di Freddie Mercury. Il film dedicato al cantante dei Queen, però, vedeva la musica del gruppo più che altro come sottofondo e, quando invece era presentata in primo piano, era più simile ad un inserimento da documentario. Per Rocketman, invece, le canzoni servono ad approfondire alcuni concetti o a portare avanti la trama, come in un qualsiasi classico musical. Coreografie studiate nei dettagli poi completano la magia, regalandoci un film che è capace di emozionare anche il più stoico degli spettatori.

Colonna sonora

La colonna sonora è composta da brani scritti da Elton John e Bernie Taupin. Sono pochissime le eccezioni, come Pinball Wizard degli Who e Don’t Go Breaking My Heart, che Elton ha cantato con Kiki Dee. Come da tradizione per i musical, inoltre, e a differenza di Bohemian Rhapsody, tutte le canzoni sono cantate dagli attori stessi. Taron Egerton ha inoltre cantato, assieme allo stesso Elton John, (I’m Gonna) Love Me Again, la canzone premio Oscar scritta apposta per il film.

rocketman
Taron Egerton e Jamie Bell nei panni di Elton John e Bernie Taupin

Nonostante l’accuratezza e la premura di rendere i brani adatti ad una versione cinematografica, il film ha ricevuto molte critiche, soprattutto da parte dei fan di lunga data di Elton John. Il motivo principale è che la cronologia è errata: alcune canzoni sono state anticipate, altre ritardate. Si tratta tuttavia di una scelta puramente artistica. Non è importante descrivere in maniera documentaristica la storia musicale di Elton, ma sottolineare certi momenti e certe sensazioni attraverso le parole di alcune sue opere. Potremo quindi ascoltare grandi successi come Crocodile Rock, Tiny Dancer, Your Song, la stessa Rocket Man, Saturday’s Night’s Alright for Fighting – queste ultime due accompagnate da coreografie meravigliose. Ma allo stesso tempo sarà possibile conoscere perle meno conosciute dal pubblico casuale, come Goodbye Yellow Brick Road, Honky Cat, Bennie and the Jets, I Want Love e Rock n Roll Madonna.

Si tratta quindi di un musical che racconta una parabola di ascesa, caduta e risollevamento, senza badare alla linearità degli avvenimenti per poter trasmettere un messaggio. E se lo stesso Elton John non è riuscito a trovarci neanche un difetto, chi siamo noi per giudicare l’anacronismo di certi brani?

 

Ricordiamo che Rocketman verrà trasmesso questa sera, 28 gennaio, su Canale 5 alle 21.46. In alternativa, è disponibile allo streaming su Netflix e all’acquisto su Amazon Prime Video.

 

Leggi anche:

Amazon Prime Video febbraio 2021: tutte le novità del mese

Sky febbraio 2021: da Clint Eastwood a Westworld, tutte le novità

Film in tv stasera 27 gennaio: una sera piena di emozioni

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *