Scuola contagi
NEWS

Scuola: boom di contagi in Lombardia. Bianchi afferma: “Il 93,4% delle classi è in presenza”

LA SITUAZIONE DELLA SCUOLA IN ITALIA: BOOM DI CONTAGI TRA GLI STUDENTI IN LOMBARDIA

Oggi alle 14 il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi sarà alla Camera per un’audizione sul tema scuola e quarantene e ha annunciato che offrirà tutti i dati disponibili.

BIANCHI: “IL 93,4% DELLE CLASSI è IN PRESENZA”

Durante l’audizione in commissione Cultura alla Camera, il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha affermato che ad oggi le classi in presenza sono il 93,4%.

“La Dad non è opposizione alla presenza ma la capacità di integrazione attraverso le tecnologie che permettono di sviluppare una didattica partecipativa. Di questi il 13,1% con attività integrata per singoli studenti a distanza. Le classi totalmente a distanza sono il 6,6%. Lungi da me fare polemiche, però in questi giorni ho sentito proporre stime che non avevano basi numeriche. Il riferimento è alle stime fornite dall’Associazione Nazionale Presidi, secondo la quale al momento ci sarebbero il 50% delle classi in Dad. Su un totale di 7.362.181 studenti, gli alunni in presenza sono l’88,4%. Per l’infanzia gli alunni positivi o in quarantena sono il 9%. Per la primaria il 10,9% e per la secondaria il numero di studenti in Dad o in didattica integrata sono il 12,5%”

Ha voluto sottolineare il Ministro dell’Istruzione.

BOOM DI CONTAGI NELLE CLASSI IN LOMBARDIA

Boom di classi in quarantena in Lombardia per effetto dei contagi Covid. Secondo il report di monitoraggio della Regione, al 16 gennaio sono 5.415 le classi in isolamento (1.838 nell’Ats di Milano), per un totale di 67.433 alunni e 3.320 operatori. L’andamento dei contagi tra il 10 e il 16 gennaio è in aumento in quasi tutta la popolazione scolastica, in particolare tra i 3 e i 5 anni, mentre cala lievemente nella fascia 14-18.

LA SITUAZIONE CONTAGI  A SCUOLA IN CAMPANIA

In Campania il presidente Vincenzo De Luca ha voluto girare i dati al presidente del Consiglio e, “per sua opportuna conoscenza”, al ministro dell’Istruzione. I bambini e i ragazzi da 0 a 13 anni con il Covid sono stati 25.745 al termine della settimana 10-16 gennaio. Messi in parametro con i 555.394 alunni presenti nei tre gradi scolastici che il governatore avrebbe voluto mandare in Dad (infanzia, elementari e medie), fanno il 4,6% del totale. Sono 15.689 i bambini contagiati solo nella provincia di Napoli. Le classi in Dad sono raddoppiate e arrivano a 4.000, che sulle 43.700 contate nei quattro cicli significa il 9 per cento. I docenti a casa per l’infezione sono 6 su cento, difficili da sostituire.

CONTAGI A SCUOLA: LA SITUAZIONE NELLE REGIONI

Nelle Marche le classi in quarantena sono raddoppiate: 313 a 645. Sulle 10.464 esistenti è il 6,2%. Nel Lazio l’assessore alla Salute, Alessio D’Amato, appoggiandosi a dati dei presidi parla di 25.000 studenti in Dad su 800.000 (il 3,1%). In Piemonte, invece, in 9 province si registra una diminuzione dei focolai (da 255 a 227) e delle quarantene (da 1035 a 912), rispetto alla rilevazione del 28 dicembre. Aumenta tra gli studenti, tuttavia, l’incidenza del contagio, ovvero i nuovi casi settimanali su 100 mila. L’incremento maggiore si registra nella fascia 3-5 anni (+120,7%). A seguire 0-2 anni (+81,3%), 6-10 anni (+64,3%), 11-13 anni (+31%) e 14-18 (+2%%). In Liguria 85 classi in Dad, quando a venerdì scorso erano soltanto 6. Il Veneto al 13 gennaio dava 1.039 classi con almeno un positivo (il 3,7%) e 254 in quarantena. In Puglia 818 classi su 27.618, quindi il 2,96% sono in quarantena. Ma i presidi hanno contestato il dato offerto dalla Regione sostenendo, attraverso un sondaggio interno, che le classi in didattica mista sono il 14%.

EMILIA-ROMAGNA E VALLE D’AOSTA HANNO I DATI PIù PREOCCUPANTI

L’Emilia-Romagna ha dichiarato, invece, gli studenti in quarantena (positivi più contatti con positivi). Sono 13.133 su 548.187, pari al 2,1%. Sono cresciute con velocità le classi in dad: 969, di cui 122 sezioni nido. Nella settimana 3-9 gennaio erano state solo 67. Il dato più preoccupante è quello della Valle d’Aosta, dove a far data da lunedì scorso le classi in quarantena erano l’8,2 per cento e tra le medie e le superiori il 16,6% era in Dad.

 

Editor: Vittoria Ferrari

 

LEGGI ANCHE:

Lunchbox mania: la moda dei portapranzo tra scuola e ufficio

Come uscire dalla quarantena? Qui le nuove regole anche per scuola e obbligo vaccinale

Green pass: ma come si scarica?

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.