Shanghai Tesla
News

Shanghai, i casi scendono ma la ripresa stenta. Tesla riapre a servizio ridotto

La ripresa di Shanghai va a rilento nonostante la diminuzione dei casi

Negli ultimi giorni il numero dei casi a Shanghai sia sintomatici sia asintomatici è in diminuzione. Nella giornata di mercoledì i distretti di Jinshan e Chongming  hanno registrato zero nuovi casi al di fuori dei pazienti già in isolamento o quarantena. Nel frattempo, alcune fabbriche hanno riaperto, come la Gigafactory 3 di Tesla.

Tesla a Shanghai

Martedì la fabbrica di Shanghai della casa automobilistica americana Tesla ha ripreso le attività, dopo più di tre settimane di chiusura causata dal lockdown della città per contrastare la nuova ondata della variante Omicron. Venerdì le autorità di Shanghai hanno rilasciato una lista di 666 aziende strategiche, dai semiconduttori alle automobili, a cui era stato chiesto di riaprire. La chiusura ha comportato una diminuzione di produzione di 50000 veicoli, come riportato da Reuters. La Gigafactory 3 di Shanghai rifornisce il mercato interno cinese e funge da hub per la Germania e il Giappone.

Nonostante la riapertura, i problemi sono molti, soprattutto logistici. Alcune fonti riportano che le scorte sono in esaurimento e mancano componenti essenziali per la produzione. Nei giorni scorsi era uscita la notizia che molti camionisti erano rimasti bloccati in autostrada per il solo fatto di essere entrati nella municipalità di Shanghai. Il vice premier, alleato di Xi Jinping, Liu He sta lavorando per risolvere la questione approvvigionamenti con l’introduzione di un pass speciale. Molti lavoratori dovranno vivere all’interno della fabbrica per evitare di entrare in zone off-limits della città e quindi per non ritornare in isolamento.

Shanghai Tesla
Photo: Reuters

Shanghai e lockdown

Il lockdown imposto a fine marzo a tutta la città di circa 26 milioni di abitanti aveva fatto scalpore, creando malumori nella popolazione. Le ripercussioni economiche si fanno già sentire, ma la “strategia zero-Covid voluta da Xi Jinping non si discute.

Secondo Wu Qianyu, un importante funzionario sanitario, la situazione forse sta migliorando. “La situazione epidemica della città negli ultimi giorni ha mostrato una tendenza al ribasso”, ha affermato mercoledì durante una conferenza stampa.

Ad oggi, 16,3 milioni di persone non possono ancora uscire di casa e solo 7, 85 milioni possono ritornare al lavoro. Sempre secondo Wu Qianyu c’è stato un aumento di 2 milioni rispetto a settimana scorsa. Sono invece 17 le morti da Covid-19 dall’inizio dell’aumento dei casi.

Molti analisti, dunque, pensano che il ritorno alla normalità o alla ripresa delle attività necessità ancora di un po’ di tempo. Ma la riapertura di fabbriche come quella Tesla sono un segnale positivo per Shanghai.

 

Leggi anche:

Cina, nel primo trimestre preoccupante calo dell’economia

Shanghai allenta il lockdown

 

Editor: Lorenzo Bossola

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *