il dramma di Eriksen
sport

Situazione Eriksen Conte: divorzio annunciato?

Situazione Eriksen Conte: divorzio annunciato?

Nonostante la vittoria per 3-1 contro il Bologna (sabato 5 dicembre), non terminano le discussioni in casa Inter. Le polemiche sono partite da Antonio Conte, questa volta non contro la società, ma con una manifestazione di noncuranza verso Christian Eriksen, ancora una volta entrato in campo a una manciata di secondi dalla fine. Situazione Eriksen Conte: un divorzio annunciato? 

Cosa sta accadendo ad Appiano Gentile

Per ora, quella di Christian Eriksen non si direbbe certo un’avventura da ricorda quella con l’Inter: 4 minuti contro il Real, 5 contro il Sassuolo, addirittura 1 contro il Bologna. Ed intanto il tecnico nerazzurro sembra non dar peso a queste scelte, inconcepibili se si pensa al valore del centrocampista danese (50 mln di euro).

Eriksen esegue gli ordini, si alza dalla panchina, effettua il riscaldamento ed entra in campo: un trattamento misero per lui, pagato 27 milioni di cartellino e 7,5 milioni di euro netti l’anno. Ma a fine partita, di fronte alle telecamere, Conte afferma sempre che sceglie solo ed esclusivamente per il bene dell’Inter. Ci si chiede, però, quanto possano essere fondate tali dichiarazioni: trattare in questo modo un giocatore di caratura internazionale come Christian va a danno non solo della società, ma del calcio italiano in genere. Una mossa forse inutile, che non serve né a lui né al club, senza tuttavia farlo notare: sull’argomento le sue parole sono: “Il mio rapporto con Eriksen? Ottimo”.

situazione eriksen conte
Antonio Conte alla guida dei nerazzurri

Una situazione non facile, dunque, quella che il centrocampista sta vivendo all’Inter: arrivato in nerazzurro lo scorso gennaio con tante aspettative e accolto dai tifosi interisti come un grande campione, si è ben presto scontrato con una realtà diversa. Antonio Conte, distante dall’ex Spurs nella sua visione di calcio, spesso lo ha relegato a comparsa. Nelle ultime settimane che la situazione è esplosa, tanto che il danese potrebbe essere ceduto già nella finestra di mercato invernale, quella “di riparazione”.

Situazione Eriksen Conte: alcuni interventi esterni

Negli ultimi giorni ci sono stati molti interventi a riguardo. L’ex difensore dell’Inter Graziano Bini, intervistato da Radio Sportiva, ha detto la sua sulla questione Christian Eriksen:

“Non condivido il trattamento riservatogli da Antonio Conte, poi magari ci sono dei risvolti contrattuali che non conosciamo. Di sicuro due o tre minuti alla volta non sono presenze. Avessi subìto un trattamento del genere io alla terza occasione mi rifiuto di entrare in campo. Tra dirigenti e allenatore qualcuno ha responsabilità sulla gestione di questo calciatore”.

Ma ad intervenire è stata anche la testata danese Ekstrabladet. Usando parole molto dure nei confronti dell’allenatore salentino, ha poi inviato un messaggio a una delle stelle della Nazionale maggiore scandinava: quasi un appello d’amore ad un figlio… Christian, vattene!

“Eriksen è ancora nel fiore della sua carriera calcistica, ma Conte lo ignora ripetutamente con atti ridicoli. Sabato, l’ultima umiliazione. Lo ha fatto entrare a un minuto dall’inizio del recupero a partita ormai decisa, deridendolo del tutto. Non è un diciassettenne il cui ingresso in campo può essere considerato un regalo. Il perché Conte debba umiliarlo così non è chiaro, ma provocherà il divorzio tra Eriksen e l’Inter già a gennaio. Christian deve lasciare i nerazzurri per non giocare così poco. Conte sta distruggendo un ottimo giocatore. Eriksen vada dove può giocare a calcio“.

 

LEGGI ANCHE:

Sorteggio mondiali 2022 Italia: gli ultimi aggiornamenti

Antony Joshua vs Pulev: quando e dove vedere l’incontro dei supermassimi 

Derby Juventus-Torino: spettacolo sotto la Mole

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.