Mame Moda Tom Ford auguri di buon compleanno, golden man. Tom Ford
Moda

TOM FORD: AUGURI DI BUON COMPLEANNO, GOLDEN MAN

Lo stilista americano compie oggi sessantuno anni

Tom Ford compie oggi 61 anni, ma conserva un fascino conturbante e una creatività lucida e ben inscritta.

La città di Austin diede i natali a Tom Ford – nasce il 27 agosto 1961 – l’uomo d’oro che nel 1994 risolleva le sorti di Gucci, quasi in banca rotta nelle mani di Dawn Mello.

Mame Moda Tom Ford auguri di buon compleanno, golden man. Tom Ford 1995
Tom Ford al suo debutto in Gucci con la collezione fall 1995

L’azienda lo incarica di seguire la direzione creativa delle collezioni di abbigliamento e accessori donna e uomo e la comunicazione.

Ma facciamo un passo indietro.

Tom lascia il Texas per seguire il sogno della moda. A New York, infatti, frequenta i corsi di architettura d’interni, moda e stilismo, presso la rinomata Parson’s School dove si laureerà in architettura nel 1986.

In questi anni lavora come stagista nel marchio Chloé, nello staff creativo di Cathy Hardwick (1986) e ricopre il ruolo di direttore del design presso Perry Ellis (1988) dove incontra Marc Jacobs.

Il successo con la maison fiorentina è immediato. Lo stilista, infatti, riesce a rispolverare Gucci da un alone di fiacca, rimodernando un’immagine rimasta in stallo dagli anni Settanta.

Recuperare le immagini d’archivio e gli abiti vintage del marchio – rovistando perfino nei mercatini vintage – diventa una prerogativa per Tom Ford. Il risultato, però, è visibile agli occhi di tutti con la collezione autunno/inverno 1995-1996 che segna il suo debutto in passerella.

Lo stilista propone una serie di abiti dallo stile Seventies ispirato a Studio 54 – dove conobbe Andy Warhol – , una nota discoteca di New York, olimpo della disco music, dell’edonismo e dell’erotismo ostentato.

Ford propose, in tal senso, un look sensuale, con giacche modellate, camicie di raso lasciate aperte e pantaloni a vita bassa in velluto.

Le scarpe di vernice con morsetto e staffa argentata diventano un trend di stagione. La moda lussuosa e aggressiva proposta da Gucci riceve i consensi del mercato e Ford diventa il golden man che tutti osannano.

Tom Ford e YSL

Nel 2000 giunge la notizia che l’autore di Animali Notturni – è stato candidato ai Golden Globe come miglior regista e miglior sceneggiatore nel 2016 – ha firmato un contratto con Yves Saint Laurent.

Di questa fortunata collaborazione tutti ricorderanno la celebre campagna pubblicitaria YSL M7 che ha messo a nudo il campione di arti marziali Samuel de Cubber.

L’unione lavorativa tra lo stilista statunitense e la griffe francese dura solo quattro anni. Nel 2004, alla direzione creativa del marchio giunge l’italiano Stefano Pilati.

Tom Ford & Tom Ford

Giunge il momento di “mettersi in proprio” e, forte della presenza di Domenico de Sole – ex CEO Gucci – fonda Tom Ford, marchio di abbigliamento donna e uomo, forte anche nella cosmetica grazie all’apporto di Estée Lauder.

Tom Ford e la vita privata

Non si può certo dire che la vita di Tom Ford sia stata tutta rosa e fiori. Lo stilista statunitense, infatti, ha sofferto di una grave forma di depressione che ancora oggi si trascina dietro.

All’età di otto anni pensa per la prima volta al suicidio

“La battaglia contro la depressione ha caratterizzato tutta la mia vita – dichiara– e vivo nel terrore costante che qualcosa possa cambiare o andare male. La morte è sempre nei miei pensieri, non c’è ora o giorno che non ci pensi e tutto ciò è davvero sfiancante e può finire col portarti all’infelicità, ma credo che ognuno di noi nasca in un determinato modo.”

A dargli conforto nei giorni di scarsa lucidità, il marito Richard Buckley e il figlio Alexander.

Citazioni Tom Ford

  • “Già mi è stato chiesto alcuni anni fa di vestire Melania Trump e ho rifiutato Non è il mio ideale. Credo che non avrei vestito neppure Hillary se avesse vinto le elezioni. I miei abiti sono troppo costosi e non si addicono alla moglie di un presidente.”
  • “Io amo costruire, amo creare. Nel mio cuore queste arti sono tutte allo stesso livello.
    Quando ho lasciato Gucci, mi sono reso conto che non avevo più una voce per esprimere, per reagire a quanto vedevo nella società.
    Per me, esprimermi è essenziale.”
  • “Non sono pronto per il fur-free, ma ho cominciato a usare meno. Ho usato molta fake fur ma la fake fur è terribile per l’ambiente. La gente crede che la fake fur sia un bene disponibile. La comprano, la indossano qualche stagione, e la buttano. Ma non è biodegradabile. È un prodotto del petrolio, molto tossico.”
  • Storicamente, Gucci è Sophia Loren. Yves Saint Laurent è Catherine Deneuve. Sono entrambe sexy, ma Gucci è un po’ più scontato rispetto a Saint Laurent.

La voce Tom Ford è consultabile sul Dizionario della Moda di MAM-e.it

2001, luglio. Time Magazine dichiara Tom Ford il più bravo designer d’America. Nell’intervista Tom dichiara: “La moda non si limita ai vestiti. La moda è tutto. Arte, musica, design, grafica, trucco, acconciature, architettura, automobili…

 

Leggi anche:

Prada sceglie Emma Watson come volto per la nuova campagna di bellezza

Tom Ford come Armani: annullata la sfilata alla New York Fashion Week

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!