Dizionario Arte

Zurbarán, Francisco de

Zurbarán, Francisco de. Pittore spagnolo, attivo principalmente a Siviglia, circa cento km a sud di Fuente de Cantos. Zurbarán si formò a Siviglia tra il 1614 e il 1617, ma trascorse il decennio successivo a Llerana, vicino al suo paese natale.

Divenne famoso nel 1627 grazie al poderoso Cristo crocifisso (Art Institute, Chicago) dipinto per il monastero domenicano di San Pablo a Siviglia, città nella quale si trasferì nel 1629. Nel 1634-35 si spostò a Madrid, dove lavorò per Filippo IV (vedi Asburgo), dipingendo per il Palazzo del Buen Retiro una serie di dieci tele sulle fatiche di Ercole e un grande dipinto di carattere storico, La difesa di Cadice (oggi conservati al Prado, Madrid); dipinse anche ritratti e nature morte, ma la maggior parte della sua attività fu rivolta alle immagini sacre.

Le opere più caratteristiche di Zurbarán

Le opere più caratteristiche di Zurbarán sono singole figure di monaci e santi in meditazione o in preghiera: ne sono esempio i due dipinti di San Francesco alla National Gallery di Londra, uno dei quali datato 1639. I soggetti sono spesso collocati su uno sfondo piatto che esalta la possente volumetria delle figure.

Con la semplicità compositiva ed emotivamente diretta di queste pale d’altare, che uniscono a un naturalismo austero un’intensità mistica, Zurbarán dimostrò di essere l’interprete perfetto degli ideali della Controriforma. Molte delle sue opere erano eseguite in serie: tra queste spicca il gruppo di otto dipinti di santi geronimiti eseguiti per il monastero dell’ordine a Guadalupe (1639-40) tuttora in situ e che “costituiscono il miglior esempio di una serie di dipinti di storia monastica del XVII secolo” (Jonathan Brown, Painting in Spain: 1500-1700, 1998).

Gli anni Trenta segnarono

Gli anni Trenta segnarono l’apice della carriera di Zurbarán, ma dopo il 1640 il numero di commissioni cominciò a diminuire. Iniziò quindi a produrre opere rivolte al mercato sudamericano, facendole eseguire per la maggior parte da assistenti. Alla fine degli anni Quaranta la sua fama come miglior pittore di Siviglia fu oscurata dalla crescente notorietà di Murillo.

Nel tentativo di imitare lo stile più morbido e luminoso del rivale, l’opera di Francisco de Zurbarán perse in parte le sue caratteristiche di vigore e semplicità. Nel 1658, in seguito a problemi economici in parte causati dalla perdita in guerra delle navi che trasportavano alcuni pagamenti dall’America latina, Zurbarán si trasferì a Madrid, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita quasi dimenticato dai contemporanei.

Suo figlio Juan de Zurbarán (1620-1649), che morì di peste in giovane età, è famoso per alcune suggestive nature morte.

Nascita: Fuente de Cantos 1598; Morte: Madrid 1664

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!