BookCity Milano
Libri

BookCity Milano : arriva BookCity Paper

Arriva BookCity Milano Papers, un ciclo di conferenze online per farti assaporare la bellezza del festival

Arriva BookCity Milano Papers: un ciclo di video interviste con autori internazionali, online a partire dall’8 novembre, per darci un assaggio di quello che sarà BookCity, a Milano dal 17 al 21 novembre.

BookCity Papers, ripartire dalla pandemia.

Se il tema di BookCity sarà il “dopo” pandemia, BookCity Papers riparte proprio da lì dove l’idea di un festival totalmente online e accessibile a tutti era nata, dal lockdown. Nato nel pieno dell’isolamento del 2020, BookCity Milano Papers era stato pensato per coinvolgere tutti. Anche durante la pandemia, quegli autori internazionali che, a causa delle restrizioni non potevano raggiungere Milano e partecipare di persona alla manifestazione.

Il format, nato in un contesto d’emergenza, ha sottolineato (ancora di più) la potenzialità dell’uso del web. La possibilità di connettere due poli opposti del pianeta, dando contemporaneamente l’opportunità a tutti di prendere parte all’evento. Bibliofili dispersi in ogni parte dall’Italia potranno collegarsi e ascoltare grandi autori dialogare e raccontarsi, stando comodamente seduti sul loro divano.

A partire da lunedì 8 novembre, sul canale YouTube e sul profilo Facebook di BookCity Milano, saranno disponibili i BookCity Milano Papers, le videointerviste realizzate ad autori internazionali sul tema scelto per la decima edizione del festival.

BookCity Milano Papers, gli incontri.

Quest’anno, BookCity Milano ha coinvolto autori internazionali, saggisti e narratori, chiedendo loro di partecipare alla conversazione sul tema centrale di questa edizione: la parola Dopo. Un tema che sarà il fulcro degli interventi del progetto BookCity Milano Papers. L’obiettivo è quello di offrire quanti più punti di vista e chiavi di lettura possibili. Scopriamo insieme il programma.

Lunedì 8 novembre 2021

Alle 19.00, ESHKOL NEVO dialoga con Federica Manzon del Desiderio. A chi ha raccolto i desideri dei lettori, trasformandoli in pagine, abbiamo chiesto che ne è del desiderio e dell’immaginazione in questo continuo dopo.

Alle 19.45, IRVINE WELSH dialoga con Vins Gallico dell’Evoluzione. Come evolve una storia? In che modo cambia il racconto dei suoi personaggi dopo un grande successo? È cambiato il mondo in cui i suoi personaggi prendono vita. Un viaggio da Trainspotting a oggi, con grande attenzione alle sfide sociali che la contemporaneità ci propone.

Martedì 9 novembre 2021

Alle 19.00, CARMEN MARIA MACHADO dialoga con Viviana Mazza sul Corpo. Una riflessione sul corpo e lo spirito, in un dialogo con una delle voci più accreditate della letteratura queer.

Alle 19.45, GUADALUPE NETTEL dialoga con Ilaria Gaspari di legami. Storie d’amore e d’amicizia che intessono sulle differenti forme che la famiglia può assumere al giorno d’oggi.

Mercoledì 10 novembre 2021

Alle 19.00, BENJAMIN TAYLOR dialoga con Antonio Monda della Biografia. Autore di un’acclamata biografia di Marcel Proust e uno dei più importanti esponenti del genere biografico e memoriale al mondo. Benjamin Taylor riflette su come si racconta il dopo di qualcun altro.

Alle 19.45, DAVID LEAVITT dialoga con Oliviero Ponte di Pino sul Tempo. Lo scorrere del tempo di un racconto, visto dagli occhi del suo autore, maestro della narrazione breve. Che relazione ha uno scrittore con un suo testo, ripubblicato dopo oltre 30 anni?

Giovedì 11 novembre 2021

Alle 19:00, BRIT BENNETT dialoga con Viviana Mazza del Destino. Inserita da TIME tra le 100 under trenta più influenti al mondo, i cui racconti e interventi sono stati pubblicati sul New Yorker, il New York Times Magazine, la Paris Review e Jezebel, Brit Bennett ci porta dentro la sua opera, a cavallo tra destino e autodeterminazione.

Alle 19:45, RENI EDDO-LODGE dialoga con Djarah Kan dei Margini. Una riflessione che abbraccia alcune delle più complesse dinamiche sociali contemporanee, a partire dal libro Perché non parlo più di razzismo con le persone bianche (pubblicato in Italia da e/o), che sta cambiando il modo in cui parliamo di razzismo.

Venerdì 12 novembre 2021

Alle 19:00, ELISABETH ÅSBRYNK dialoga con Paola Maugeri del Presente. Qualche anno fa, la scrittrice e giornalista svedese Elisabeth Åsbrynk dedicò un libro al 1947, anno apparentemente insignificante, in cui un vecchio ordine cade e ne sorge uno nuovo. L’anno dove inizia il nostro presente.

Alle 19:45, OLIVIA LAING dialoga con Daria Bignardi delle Possibilità. Come credere che un dopo sia possibile? La scrittrice e critica letteraria inglese approda al romanzo e ci regala una cruda riflessione sulla relazione tra speranza e disillusione.

Sabato 13 novembre 2021

Alle 18:30, JONATHAN LEE, dialoga con Mariarosa Mancuso dell’Errore. Dalla morte del protagonista per andare a ritroso fino a scoprirne i misteri, l’omosessualità nascosta e la non convenzionalità. Il dopo come un giallo da risolvere, in cui ci ritroviamo allo specchio per osservare la nostra società.

Alle 19:00, BEN WILSON dialoga con Eleonora Barbieri della Città. Il dopo delle nostre città, pensato e immaginato dal grande storico e ricercatore dell’Università di Cambridge, pubblicato da testate quali The Spectator, The Independent e The Guardian.

Alle 19:45, Luca Formenton introduce David Grossman, Núria Cabutí, Morgan Entrekin, James Daunt, e Helena Gustafsson per una riflessione sull’Editoria. Come sarà fatto il dopo della filiera editoriale? Lo abbiamo chiesto a un grande autore, due dei più importanti editori internazionali, al CEO della più nota catena di librerie al mondo e chi sta trasformando i libri in audio. Gli interventi sono estratti dal Convegno “Arnoldo Mondadori e l’editoria del futuro”.

Domenica 14 novembre 2021

Alle 18.30, PACO ROCA dialoga con Emanuele Di Giorgi della Memoria. Il più importante autore spagnolo di graphic novel e maestro del fumetto, nell’opera di Roca la memoria o la sua assenza sono centrali. È possibile un dopo senza memoria? Quando la memoria è un ostacolo per immaginare il dopo?

Alle 19.00, Oliviero Ponte di Pino introduce la riflessione di MARTÍN CAPARRÓS sul Fuoco. Il pluripremiato giornalista e scrittore argentino, collaboratore di El País e del New York Times, ci racconta di un mondo senza il fuoco, ma che proprio per questo sta diventando sempre più caldo.

Alle 19.45, ALEJANDRO ZAMBRA dialoga con Leopoldo Carra di Generazioni. Poeta, narratore, critico letterario cileno e docente all’Università Diego Portales, Alejandro Zambra riflette sulla tradizione e sul futuro della poesia, sulla mascolinità, l’intenso rapporto tra un padre e un figlio e gli scarti generazionali che investono ogni famiglia.

Lunedì 15 novembre 2021

Alle 18.30 TIMOTHY MORTON, docente presso il dipartimento di Letteratura inglese della Rice University di Huston, parla del Postumano. Uno speech alla scoperta di una delle teorie filosofiche più influenti degli ultimi anni in un viaggio fra iper oggetti ed ecologia oscura per rischiarare lo strano e oscuro loop che stiamo attraversando.

Alle 19.00, Oliviero Ponte di Pino introduce la riflessione di ARJUN APPADURAI sul Futuro. Professore di Media, Culture and Communication alla New York University, il grande antropologo ci conduce in un viaggio alla scoperta del futuro come atto culturale e dell’importanza della vita sociale delle cose.

Alle 19.45, Oliviero Ponte di Pino introduce la riflessione di COLIN CROUCH sulla Postdemocrazia. Professore emerito presso l’Università di Warwick, dove ha insegnato Governance e Management pubblico presso la Business School, il teorico della Post Democrazia aiuta a comprendere meglio le dinamiche che sottendono il funzionamento e i pericoli della nostra società.

Martedì 16 novembre 2021

Alle 18.30, Oliviero Ponte di Pino introduce l’intervento di ABRAHAM YEHOSHUA sulla Contaminazione. Docente di letteratura comparata presso l’Università di Haifa, il grande scrittore israeliano conduce un viaggio alla scoperta del suo ultimo libro: La figlia unica, il suo ‘romanzo italiano’. La storia di una ragazzina divisa tra due mondi, fra identità e contaminazione, tradizione e modernità.

Alle 19.00, il romanziere romeno più volte segnalato per il premio Nobel, MIRCEA CĂRTĂRESCU, riflette delle Visioni. Le parole di un visionario, di un profeta che ci svela in tutta la sua evidenza la «cospirazione della normalità» e le gabbie che il nostro cervello ha costruito per noi.

Alle 19.45, Vittorio Lingiardi introduce l’intervento di ALLEN FRANCES sulla Psiche. Professore presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze comportamentali della Duke University School of Medicine di Durham, nella Carolina del Nord, Allen Frances è uno dei più autorevoli psicologi al mondo, che riflette su come comprendere e affrontare questa enorme incertezza che ci avvolge.

In attesa di BookCity Milano 2021, ecco le conferenze proposte, quale di queste correrete a vedere?

Leggi anche :

Tutti i numeri del Salone del libro di Torino 2021

Libri senza copyright 2021: i titoli che perdono i diritti d’autore

Gli eventi di novembre 2021 che non puoi lasciarti scappare

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *