serie i savoia
News,  Spettacolo

I Savoia – la nuova serie sui reali d’Italia

È tutto pronto per la produzione incentrata sulla famiglia reale italiana

Anche il nostro Paese si appresta a vedere raccontata sullo schermo la “propria” monarchia, quella dei Savoia. In arrivo nel 2022, indovinate quale piattaforma dovrebbe distribuirla?

I Savoia, la serie ispirata da The Crown

Che il pubblico ami entrare nelle dimore e nelle vicende pubbliche e soprattutto private dei reali ormai è ben noto. Le serie e i film in costume, tra storia e licenza narrativa, sono da anni molto apprezzati. Versailles, Reign, Il re, Romulus e la lista potrebbe continuare davvero a lungo.

La più recente, e probabilmente la più nota e discussa, è sicuramente The Crown, che racconta la storia della corona inglese dalla fine degli anni Quaranta, e ha come protagonista Elisabetta II. E, naturalmente, tutte le persone che gravitano attorno a lei: il principe consorte, i figli – specialmente uno -, sino ad arrivare, nella quarta stagione (rilasciata lo scorso novembre) a Lady Diana. La serie ha spopolato in tutto il mondo – tranne che a Buckingham Palace, da quel che sappiamo e via abbiamo raccontato qui – e allora perché non provare a fare lo stesso con la famiglia sabauda?

È stato annunciato proprio in questi giorni l’arrivo di una serie dedicata ai Savoia. Sì, proprio la famiglia dell’ultimo sovrano d’Italia, tale Umberto II, e del suo ben noto discendente, il nipote Emanuele Filiberto – ormai più personaggio televisivo che principe, visto che i suoi titoli non sono riconosciuti nel nostro Paese. Ma per chi è già pronto a far polemica, vogliamo tranquillizzarvi (almeno per ora). All’inizio infatti la serie non sarà incentrata sugli ultimi esponenti della monarchia ma sarà ambientata nel Seicento.

Amore e intrighi politici nell’Italia sabauda

Lo show spazierà tra realtà storica e fantasy, e dai dettagli rilasciati finora dovrebbe partire dagli albori del XVII secolo, esplorando la storia di Marie-Jeanne de Nemours.

Da orfana, si ritroverà ad essere moglie del duca di Savoia, Carlo Emanuele, diventando Reggente del Regno e Madama Reale (nel 1675). Proprio da quest’ultimo titolo dovrebbe essere tratta la denominazione della serie, anche se al momento sono in molti ad affermare che potrebbe chiamarsi semplicemente “I Savoia”.

La donna sarà al centro della serie, e verranno raccontate le sue vicissitudini amorose, la sua ostentazione dei giovani numerosi amanti (e la vendetta nei confronti di quelle del defunto marito) ma ampio spazio avrà anche, naturalmente, il filone politico.

Verrà infatti mostrato come la Reggente abbia sfidato Luigi XIV (il Re Sole), cercando di affermare a livello internazionale il ruolo dei Savoia. Giocando secondo le sue regole, provò a trasformare Torino in una nuova Atene, dal punto di vista culturale e della conoscenza. Stravolgendo i costumi dell’epoca e i rigidi dettami di corte – provenienti per lo più dalla vicina Francia – sobillerà l’intera città.

“La serie tv “Madama Reale” ha convinto per la capacità di unire la grande epica storica e televisiva con temi e linguaggi di grande attualità.

La vita di Maria Giovanna di Nemours viene raccontata nella cornice di una serie di lettere tra una madre e una nipote, che sviluppano apertamente il difficile rapporto tra genere, potere e sentimenti privati; un tema centrale per comprendere l’originalità delle figure storiche delle Madame Reali e che al tempo stesso risuona con sempre maggiore importanza nel mondo contemporaneo”.

Queste le parole di Pietro Bodrato, curatore del contest indetto per finanziare il progetto, lanciato nell’autunno 2017 da Film Commission Torino Piemonte, FIP Film Investimenti Piemonte e Regione Piemonte.

Le riprese a Torino, in location meravigliose ed esclusive

torino reggia di venaria

Il contest sopracitato dovrebbe far comprendere l’importanza affidata a questo progetto, a cui si sono anche aggiunti Lume Torino e Les Films d’Ici. Il budget a disposizione pare essere notevole e imponente (con contributi provenienti pure dal Ministero della Cultura), e

la produzione sarà co-affidata a Italia e Francia. La prima stagione della serie dovrebbe essere girata interamente il prossimo anno, e le riprese saranno sicuramente effettuate nei luoghi più belli (e reali) del capoluogo piemontese. Palazzo Madama (quello in Piazza Castello), la Reggia di Venaria, Palazzo Reale e per gli esterni soprattutto verranno usati anche magnifici spazi verdi offerti dalla regione. Oltre a scoprire dunque le vicende della monarchia potremo dunque anche ammirare le incantevoli location della città di Torino.

Gli episodi previsti per il primo capitolo sembrerebbero essere otto, da circa 50 minuti ciascuno. Non è ancora chiaro il numero di stagioni che verranno realizzate, e quindi non si sa fino a che punto della storia si arriverà. Alcune voci dicono fino alla Seconda Guerra Mondiale –

ma prima di fomentarle in maniera approfondita aspettiamo di saperne di più. Mancano anche notizie sul cast. Infine, sebbene non sia ancora assolutamente certo, pare che la serie sarà distribuita (ovviamente, è il caso di dirlo), da Netflix.

A quanto pare verranno fatte le cose in grande. Cosa ne verrà fuori? Non ci resta che attendere e, per i più avventati, fare ipotesi. Le aspettative sicuramente sono alte. Chissà se la monarchia italiana, per il pubblico, sarà all’altezza di quella britannica.

Autore: Chiara Anastasi

LEGGI ANCHE:

The Prom: l’imperdibile film musical su Netflix

Guida ai Musei e alle Mostre on line. Prima parte

Il principe Harry e Meghan Markle lanciano i premi Sussex

NEWSLETTER

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!