ddl zan
Attualità,  NEWS

Ddl Zan: Renzi risponde al “Che schifo che fate politici” della Ferragni

Ddl Zan: Renzi risponde al “Che schifo che fate politici” di Chiara Ferragni sui social

Chiara Ferragni torna ad esprimere le sue idee in relazione alla politica, questa volta sul tema Ddl Zan. L’influencer ha dato libero sfogo alle sue idee su Instagram, dove, tramite alcune stories, ha attaccato i politici in riferimento alla questione omotransfobia in Italia.

Le idee della Ferragni vogliono denunciare l’alto rischio che il provvedimento Ddl Zan contro l’omotransfobia non venga approvato a causa del cambio di posizione di Italia viva:

 “Che schifo che fate politici”- ha scritto rilanciando un post con una foto di Matteo Renzi e la scritta “l’Italia è il Paese più transfobico d’Europa. Ed Italia viva (con Salvini) si permette di giocarci su”.

ddl zan

Ddl Zan: la risposta di Matteo Renzi all’attacco di Chiara Ferragni

La risposta dell’ex premier Matteo Renzi su Facebook non si è fatta attendere :

“Fa bene Chiara Ferragni a dire quello che pensa. Solo che da lei mi aspettavo qualcosa in più di una frasina banale e qualunquista”.

Scontro Fedez – Renzi

In sostegno di Chiara Ferragni è intervenuto poco dopo Fedez su Twitter:

“Stai sereno Matteo, oggi c’è la partita. C’è tempo per spiegare quanto sei bravo a fare la pipì sulla testa degli italiani dicendogli che è pioggia”.

La risposta di Matteo Renzi è arrivata puntuale anche stavolta:

“La politica è serietà, passione, fatica: non è un like messo per far contenti gli amici. Se Chiara Ferragni vuole confrontarsi sugli articoli 1, 4, 7 della legge Zan e sugli emendamenti Scalfarotto io ci sono. Se vuole conoscere come funziona il voto segreto al Senato, ai sensi dell’articolo 113.4 del Regolamento, io ci sono. Se Chiara Ferragni vuole discutere, criticare, approfondire io ci sono. Ma sia chiaro. La politica, cara Ferragni, è un’attività nobile e non fa schifo. E la politica – puntualizza Renzi – si misura sulla capacità di cambiare le cose, non di prendere i like. Quando tutti mi dicevano che non dovevamo cambiare Conte noi non abbiamo seguito l’onda social: abbiamo ragionato con la nostra testa e grazie al nostro coraggio è arrivato Draghi. E le cose vanno meglio. Anche allora – annota – gli influencer ci attaccavano e ci insultavano. Anche allora noi siamo andati controcorrente. E abbiamo vinto”.

ddl zan

 

Leggi anche:

Ddl Zan affossato in Senato: paura per le prossime elezioni del Presidente della Repubblica

Ddl Zan Vaticano, legge contro il Concordato, richiesta modifica

Pietro Parolin chiarisce la posizione del Vaticano sul Ddl Zan

Figliuolo rassicura sui vaccini: le dosi copriranno tutte le necessità

 

 

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione:  info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.