In arrivo al Mudec di Milano la mostra di Henry Cartier-Bresson
Arte,  Fotografia

In arrivo al Mudec di Milano la mostra di Henry Cartier-Bresson

La mostra racconta gli anni del reportage del grande fotografo su Gli ultimi giorni di Pechino

Verranno esposte allo Spazio Mudec Photo, dal 18 febbraio al 3 luglio 2022, oltre 100 opere del grade fotografo Henry Cartier-Bresson. La mostra a cura di Michel Frizot, Ying-Lung Su e in collaborazione con Fondation Henri Cartier-Bresson, racconta gli anni  del suo reportage su Gli ultimi giorni di Pechino.

 

“L’occhio del secolo”

Henri Cartier-Bresson, soprannominato “Occhio del secolo” per la sua capacità di ritrarre la storia corrente, è uno dei protagonisti delle fotografia del Novecento ed è stato definito il pioniere del fotogiornalismo. Con la sua macchina fotografica  è stato in grado di mettere in evidenza le svolte epocali della società orientale agli occhi del mondo occidentale.

 

In arrivo al Mudec di Milano la mostra di Henry Cartier-Bresson
In Lui Chi Chang, la via dei negozi di antiquariato, la vetrina di un venditore di pennelli.
Pechino, dicembre 1948 Vintage gelatin silver print © Fondation Henri Cartier-Bresson /
Magnum Photos

 

La storia del primo reportage

A fine novembre 1948  la rivista Life commissiona a Henri Cartier-Bresson un reportage sugli ultimi giorni di Pechino prima dell’arrivo delle truppe di Mao. Il soggiorno, che era previsto di qualche  settimane, durerà  invece dieci mesi.

Cartier-Bresson documenterà la caduta di Nanchino, retta dal Kuomintang, e si troverà successivamente costretto a rimanere per quattro mesi a Shanghai, controllata dal Partito Comunista. Per lasciare infine la Cina pochi giorni prima della proclamazione della Repubblica Popolare Cinese il 1° ottobre del 1949.

 

La mostra di Henry Cartier-Bresson al Mudec

La mostra “Henri Cartier-Bresson: Cina 1948-49 | 1958, prodotta da 24 ORE Cultura e promossa dal Comune di Milano – Cultura, porta in Italia per la prima volta il progetto espositivo che racconta i due reportage fotografici cinesi che resero famoso Cartier-Bresson in tutto il mondo per il suo “istante decisivo” in fotografia.

L’esposizione fotografica  racconta due momenti-chiave nella storia della Cina: la caduta del Kuomintang (1948-1949) e il Grande balzo in avanti” di Mao Zedong  del 1958.

La rassegna riunisce oltre cento stampe originali oltre a pubblicazioni di riviste d’epoca, documenti e lettere provenienti dalla collezione della Fondazione HCB. Uno straordinario corpus di fotografie e documenti di archivio del celebre fotoreporter francese.

 

Leggi anche: Un grande Mondrian al MUDEC di Milano

 

 

 

 

NEWSLETTER

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!