Moda

Maison Margiela e Schiaparelli, la moda ha bisogno di poesia

La poetica del fashion biz sta nell’invettiva: Maison Margiela e Schiaparelli, il dualismo tra arte e industria della moda

Ci inchiniamo dinanzi a Maison Margiela e Schiaparelli, al cospetto di John GallianoDaniel Roseberry: gli unici e soli che hanno saputo raccontare la poetica della moda dinanzi al disastro pandemico, insegnandoci che nulla si può di fronte alla creatività.

Potrebbe interessarti anche

Enciclopedia della Moda, biografia John Galliano 

L’Enciclopedia della Moda: biografia Daniel Roseberry

Enciclopedia della Moda: la storia del marchio Martin Margiela e del suo fondatore

Enciclopedia della Moda: la storia di Maison Schiaparelli e della sua fondatrice

La moda oggi secondo il pensiero di George Simmel

Siamo maschere, automi? Look Maison Margiela SS21

Per chi non lo conoscesse, George Simmel è stato tra i più grandi sociologi tedeschi a indagare, con coscienza, sul valore della moda nella società. Nel 1885 scrisse il trattato La Moda, contestualizzando i suoi studi sull’influenze che questa ha sulla società: una sorta di interazione/rapporto tra individuo e costume.

“La moda è contemporaneamente essere e non essere, si trova sempre sullo spartiacque fra passato e futuro e ci dà, finché è fiorente, un senso del presente così forte da superare in questo senso ogni altro presente.”

L’Incertezza. Maison Margiela e Schiaparelli vanno oltre

Partendo dal pensiero Simmel, oggi potremmo analizzare la “salute” del fashion biz sotto l’aspetto sanitario. Incertezza. Forse dovremmo partire da questo sostantivo per scrivere, nero su bianco, la reale situazione in cui versa il settore dove non si sprecano parole di elogio nei confronti di griffe che hanno temuto di confrontarsi con Covid-19. E il risultato è stato disastroso. Da Parigi a Milano sino New York e Londra, la prossima primavera/estate 2021 sarà un eterno letargo. Al confronto, l’omologazione ci è davvero simpatica.

Il non finito. L’incompletezza di Galliano

Il vero problema non è il format utilizzato (la maggior parte delle collezioni è stata presentata via web) ma l’idea di fondo: cauta, poco rischiosa. Per nulla convincente. La moda ha fallito. Si è lasciata vincere dalla paura dei numeri (più che dei contagi) sempre più in calo. La moda, nel XXI secolo è ricavo. Merce. Uno squallido confronto di percentuali e mercati trainanti. Così, se Pinault e Arnault registrano ricavi in rosso e Swarovski taglia 600 posti di lavoro perché la Cina punta altrove, tutto deve essere rivisto. Oggi, forse anche con una faccia da Pulcinella, si dice che la moda sia più sobria visto i tempi che corrono. Se solo Poiret o Coco potessero parlare. Se …

 

Potrebbe interessarti anche

Paris Fashion Week. Pinault e Arnault in rosso

Swarovski taglia 600 posti di lavoro. 

Oltre l’inferriata. John Galliano per Maison Margiela

Maison Margiela: Galliano è il raccontastorie più credibile della moda

Piove. È umido. Le scalinate di pietra viva iniziano a ricoprirsi di muschio. Gli alti arbusti e la vegetazione ottobrina sono cornice sbiadita di una campagna ovattata, cupa. Sembra il primo capitolo di un romanzo di altri tempi eppure sono semplici scatti che presentano la spring/summer 2021 di Maison Margiela. Ma c’è poetica. Il non finito di John Galliano non rappresenta solo una giacca destrutturata, incompleta. È una maschera che avvolge il volto che ci completa o l’ultimo tassello mancante per l’incompletezza. Punti di vista.

Alcuni gioielli della collezione Schiaparelli SS21

Schiaparelli: il Surrealismo pervade l’idea di Roseberry

Il passato si può riscrivere. Ne è convinto Daniel Roseberry che ha puntato tutto sui gioielli come poetica del rinascere.

Il surrealismo di Elsa passa attraverso l’occhio.

Forme e ricordi, colori e genialità. Gusto, una buona cattiveria artistica. La buona dose tra reale e surreale in scatti significativi e che fanno emergere il gusto eclettico e anticonformista di una grande donna della sartoria, l’indimenticabile Elsa. Colei che ha trasformato le fortunate amicizie con i più grandi artisti del Novecento,  in diversi punti a suo favore.

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.