Senzateto a Torino
Attualità

Senzatetto a Torino: piazza San Carlo è la punta dell’iceberg

Il registra Calopresti condivide il dramma dei senzatetto sotto i portici a Torino tra “pubblicità e realtà”

I senzatetto a Torino sono sempre più numerosi, ma la foto che ha fatto scalpore è quella che contrappone un clochard che dorme ricoperto da coperte e ombrelli alla pubblicità di lusso di Chanel.

Senzatetto a Torino: la foto di Calopresti

Piazza San Carlo, Torino nel cuore della notte. Sotto i portici della piazza a rubare l’attenzione di Domenico Calopresti, regista e attore, c’è un’immagine tristemente comune nel pieno centro di Torino. Vicino ad una delle eleganti colonne della piazza c’è una sistemazione di fortuna tra coperte, ombrelli e un cartello. «Ho perso casa, grazie a chi mi aiuta» c’è scritto sui cartoni posti di fronte a lui.

È un  senzatetto, uno dei tanti del centro di Torino. Lo scatto di Mimmo Calopresti condiviso online vuole proprio denunciare la situazione, puntando sull’immagine alle spalle della situazione di fortuna del senzatetto a Torino. Sulla colonna campeggia una pubblicità di Chanel, brand di lusso, che il regista segnala con una didascalia «Pubblicità e realtà».

Calopresti conosce bene Torino e fu uno dei protagonisti della grande stagione dei documentaristi torinesi degli anni Ottanta. Si è occupato principalmente di raccontare il mondo operaio, le contraddizioni sociali e lo scontro politico di quel periodo.

Da sempre il suo obiettivo è quello di denunciare le ingiustizia sociali attraverso l’illustrazione della realtà, anche se cruda, e ha voluto farlo anche questa volta tramite lo scatto postato su instagram.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mimmo Calopresti (@mimmocalopresti)

L’intervista al sindaco Lo Russo

In città, in tema di povertà  esistono criticità diffuse causate dalla crisi economica, precedente alla pandemia. Come spesso capita, balzano agli occhi i casi estremi ma ce ne sono molti sommersi, meno visibili, e non meno preoccupanti. Ci sono strati della cittadinanza che vivono in condizioni di grande povertà: i senzatetto a Torino in centro sono la punta dell’iceberg.

Il sindaco ha anche detto, che essendo cambiato il sindaco adesso cambierà anche l’approccio alla questione:

I cittadini non saranno più infastiditi dai senzatetto a Torino che vivono in centro. Quello è l’approccio dell’amministrazione precedente, non il mio. Vedremo i vigili aiutare gli assistenti sociali negli interventi di accompagnamento. Saranno presenti per un’eventuale tutela, non per cacciarli. Ripeto molti soggetti hanno problemi psichiatrici, se prima non affrontiamo questo tema non andiamo da nessuna parte

 

Leggi anche:

La casa del senzatetto la disegna lo street artist

La prima del teatro Regio di Torino 2021/2022: l’opera è “La bohème” e debutterà a febbraio

I nuovi sindaci di Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna e Trieste

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *