bonus tende
NEWS

Bonus tende da sole 2022, ecco quello che c’è da sapere

Bonus tende da sole 2022, la detrazione fiscale va dal 50% al 110%

Il governo ha rinnovato il cosiddetto “bonus tende da sole” per il 2022 con la nuova Legge di Bilancio fino al 31 dicembre 2022. L’agevolazione fiscale, valida per l’acquisto e la messa in posa di schermature solari e chiusure tecniche mobili oscuranti, è stata introdotta nel 2020 per dare sollievo al settore e poi successivamente rinnovata nel 2021 con l’Ecobonus. I criteri e requisiti per ottenere il bonus sono regolati dall’Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica (ENEA) che ha anche fornito un’apposita scheda informativa.

“Bonus tende” e “Superbonus 110”: cos’è e come funziona

Il bonus prevede una detrazione fiscale pari al 50% delle spese totali sostenute, per un massimo di 60.000 euro per unità immobiliare e 230€/mq a tenda, per l’acquisto di e la posa in opera di schermature solari o chiusure tecniche mobili.

Per ottenere il bonus si possono scegliere tre opzioni diverse: detrazione IRPEF in 10 anni a rate, sconto diretto in fattura, cessione del credito d’imposta ad un soggetto terzo per il bonus tende da sole. Esempio: se si acquistano “tende da sole” per un valore complessivo di 40.000€ si ha diritto a un rimborso del 50% pari a 20.000€. Ogni anno per dieci anni, dunque, si avrà una detrazione IRPEF di 2000€ (20.000€/10 =2000€). Il bonus scade il 31 dicembre 2022.

È importante notare che vi è anche il “Superbonus 110” che prevede uno sgravio fiscale del 110% se si procede nei lavori di riqualificazione energetica. In questo caso il bonus è relativo a lavori “trainanti” come: lavori d’isolamento termico, sostituzione degli impianti di climatizzazione e lavori per la riduzione del rischio sismico.

Chi può usufruirne e per quali edifici

Possono richiedere il bonus i contribuenti che: sono proprietari di singole unità immobiliari residenziali (sono compresi i familiari e parenti fino al terzo grado), sono proprietari di parti comuni di edifici residenziali (condomini) o che possiedono un diritto reale sulle unità immobiliari.

Inoltre, non è necessario presentare la documentazione ISEE per richiedere il bonus.

Requisiti

Il bonus riguarda tende solari, schermature solari, tapparelle o altre coperture fisse interne o esterne. Le schermature dovranno rispettare le seguenti caratteristiche: devono essere applicate in modo solidale con l’involucro edilizio e non liberamente montabili o smontabili dall’utente, a protezione di una superficie vetrata, installate all’interno o all’esterno della superficie vetrata, tende mobili e schermature “tecniche”.

La documentazione necessaria e dove richiederlo

Il bonus può essere richiesto sul sito internet dell’ENEA entro 90 giorni dalla fine dei lavori o di collaudo delle opere.

Tutti i pagamenti dovranno essere rintracciabili (carte di credito o debito, bonifici bancari o postali) e dovranno essere conservati con i documenti di tipo tecnico e amministrativo. Di seguito i documenti tecnici necessari. la stampa originale della scheda descrittiva dell’intervento, riportante il codice CPID, l’asseverazione, schede tecniche dei componenti e marcatura CE e attestazioni di prestazione per il fattore di trasmissione solare totale.

 

 

Leggi anche:

Cosa cambia nel bonus da 200 euro: in arrivo anche il bonus trasporti

Bonus Benzina 2022: a chi spetta e come si richiede l’agevolazione da 200 euro

Bonus psicologo, arriva l’approvazione per il 2022: 600 euro a persona, ecco come funziona

 

Editor: Lorenzo Bossola

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.