caso Epstein
News

Caso Epstein: rivelato un accordo segreto con Virginia Giuffre, ottenne 500mila dollari da Jeffrey Epstein

Sviluppi nel Caso Epstein: l’accusatrice del principe Andrea ottenne da Jeffrey Epstein 500mila dollari per far cadere le accuse verso il principe

È stato rivelato e pubblicato un accordo, risalente al 2009, che definirebbe le sorti del caso Epstein. L’accordo tra Jeffrey Epstein e Virginia Giuffre, l’accusatrice del principe Andrea, firmato nel 2009, in base al quale Jeffrey versò 500mila dollari a Virginia per far cadere le accuse contro il principe.

Il Caso Epstein: in breve

Il Caso ha come protagonisti Jeffrey Epstein, Virginia Giuffre, e il principe britannico Andrea. Virginia Giuffre, all’epoca dei fatti minorenne, 17 anni, sarebbe una tra le altre ragazzine che Ghislaine Maxwell avrebbe reclutato. Maxwell è la donna giudicata colpevole, solo pochi giorni fa, di essere la procacciatrice di ragazzine che servivano a soddisfare le perversioni del miliardario Epstein. Jeffrey Epstein, che risulterebbe essere grande amico del principe Andrea, duca di York.

caso Epstein
Il principe Andrea

Virginia Giuffre è l’accusatrice, che ha sporto denuncia contro il principe Andrea. Gli fanno capo accuse di violenza sessuale, da parte appunto della Giuffre, che all’epoca degli abusi era minorenne.

Il principe Andrea e il caso Epstein

Il duca di York, il principe Andrea, è rimasto legato e segnato dal caso del miliardario Epstein. Il principe, dal giorno zero ha negato ogni singola accusa, utilizzando anche scuse ed alibi assurdi: come quello contro la testimonianza di Virginia “mi sudava addosso come se piovesse, era disgustoso”, e lui che rispose “io non sudo”, a causa di un trauma sofferto in guerra, nelle Falklands. Ma numerose sono le prove che potrebbero incastrarlo: come una foto scattata nella dimora londinese di Ghisglaine, che ritrae il principe Andrea che cinge con una mano la vita di Virginia, anche se lui testimonia di “non aver mai incontrato Virginia”.

caso Epstein
In foto il principe Andrea e Virginia Giuffre

Nuovi sviluppi del caso Epstein

Ci sono però ora nuovi sviluppi, come il documento firmato nel 2009 che è stato pubblicato. Il documento riporta un accordo confidenziale, firmato nel 2009, con il quale il miliardario pedofilo Jeffrey Epstein pagò 500mila dollari alla ragazza che accusa il terzogenito della regina Elisabetta, il duca di York, Andrea. Sembrerebbe un accordo confidenziale tra Virginia Giuffre, oggi 38enne, e Jeffrey Epstein, per fare cadere le accuse a carico del suo “amico” Andrea. Gli avvocati del principe sperano così che il documento basti per far cadere le accuse, e svincolare e archiviare il caso nei confronti del principe Andrea una volta per tutte.

L’accordo stabilisce che ogni azione legale della Giuffre, contro Epstein e contro altri «potenziali imputati» nel presunto complotto di traffico sessuale di minori indagato da un tribunale di New York sarà archiviata. Quindi non si fa nemmeno riferimento esplicito al principe Andrea, ma ad “altri potenziali imputati”.

Virginia Giuffre e il principe Andrea

Il principe Andrea però oltre ad essere coinvolto nel caso Epstein, quindi che riguarda abusi sessuali e traffico illegale di minori, ha in capo le accuse della Giuffre. La donna accusa il principe di aver abusato di lei ben 3 volte, quando lei era ancora minorenne: i fatti risalirebbero al 2001 e il 2002, a Londra, New York e ai Caraibi. La ragazza ha chiesto un risarcimento, e sarebbe la prima volta che il duca finisce al centro di una causa per risarcimento.

Domani, 5 gennaio, il giudice deciderà se indire il processo a carico del terzogenito della Regina Elisabetta, il principe Andre, duca di York.

Leggi anche:

Caso Alberto Genovese: la vittima è ora invalida al 40% e chiede un risarcimento di 1 milione e mezzo di euro

Luca Morisi e il festino a base di cocaina e “droga dello stupro”

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *