Arte

Le mostre d’autunno più belle d’Europa: da Tiziano a Botticelli

Questo autunno l’Europa ci regala grandi Mostre

Ci sono i grandi dell’arte, anche italiani, nelle mostre in programma  in Europa il prossimo autunno in alcuni dei principali musei. Da Tiziano a Botticelli, da Poussin a Goya, ma non mancano le incursioni nel contemporaneo, con l’omaggio alla statunitense Alice Neel.

 

PARIGI

La ville Lumiere rende omaggio a uno dei pittori italiani più celebrati.  La mostra “Botticelli.Artiste et designer”, in programma dal 10 settembre nelle sale del Musée Jacquemart-André. Allestita fino al 24 gennaio 2022, grazie a importanti prestiti internazionali racconta il genio di Sandro Botticelli (e l’attività della sua bottega) presentando circa 40 suoi lavori accanto ad alcune opere realizzate da artisti attivi a Firenze particolarmente influenzati dal suo stile.

Sempre a Parigi: EN SCÈNE! DESSINS DE COSTUMES DE LA COLLECTION EDMOND DE ROTHSCHILD –

Questa mostra del Louvre di Parigi presenta alcuni dei migliori esempi di abiti per le feste risalenti all’Ancien Régime. Vedrete un centinaio di fogli di una delle più importanti collezioni di disegni di sontuosi costumi realizzati per balli in maschera, feste, opere e balletti dei tempi di Luigi XIV, donati dal barone Edmond de Rothschild al Musée du Louvre.

La loro ricchezza rivela il talento degli artisti (Primaticcio, Jacques Bellange, Daniel Rabel, Henri Gissey e Jean Berain in particolare) che hanno vestito i divertissements messi in scena alla corte di Francia e Lorena dalla metà del XVI secolo all’alba del XVIII.  Dato che le opere tessili reali sono per lo più scomparse, questi disegni sono fonti inestimabili per la storia del costume, della danza, della musica e del divertimento in Francia durante questo periodo.

 

Le mostre d'autunno più belle d'Europa: da Tiziano a Botticelli
Sofonisba Anguissola, The Chess Game, 1555
RIPRODUZIONE RISERVATA

 

AMSTERDAM

Imperatori, aristocratici e borghesi, immortalati da alcuni maestri della pittura rinascimentale, ma anche ambizioni, desideri e affetti perduti, saranno al centro di “Non ti scordar di me. Ritratti da Dürer a Sofonisba“, prima grande mostra di ritratti rinascimentali nei Paesi Bassi che il 1 ottobre aprirà nell’ala Philips del Rijksmuseum. Visitabile fino al 16 gennaio 2022, la mostra si compone di circa 100 capolavori, e riunisce opere provenienti da musei di tutta Europa e degli Stati Uniti, tra cui il Ritratto di fanciulla (circa 1470) di Petrus Christus della Gemäldegalerie di Berlino.

 

VIENNA

Fra le mostre d’autunno in Europa, immancabile Al Kunsthistorisches Museum dal 5 ottobre al 16 gennaio 2022 è in programma “Tiziano. L’immagine delle donne. Bellezza, Amore, Poesia”.Il progetto svela il nuovo modo di raccontare le donne di Tiziano e di alcuni suoi contemporanei – come per esempio Tintoretto, Lorenzo Lotto e Paolo Veronese – che nel ‘500 a Venezia, ispirandosi alla poesia e alla letteratura dell’epoca, rappresentarono non solo la bellezza femminile ma anche lo status delle donne nella società.

 

Londra

Alla National Gallery di Londra arriva “Poussin and the dance”, mostra allestita dal 9 ottobre al 2 gennaio 2022 che inquadra l’artista francese in una nuova prospettiva. Il percorso infatti accoglie opere gioiose nelle quali Nicolas Poussin cattura la potenza sprigionata dai corpi in movimento: tra i lavori esposti anche “Dance to the Music of Time” (1634-6), concesso in prestito per la prima volta dalla Wallace Collection, tela che raffigura il ciclo perpetuo della condizione umana, tra povertà, lavoro, ricchezza e piacere.artistia

 

Le mostre d'autunno più belle d'Europa: da Tiziano a Botticelli
ALICE NEEL: PRIMA LE PERSONE – GUGGENHEIM BILBAO

 

BILBAO

“Alice Neel: prima le persone” è la prima retrospettiva in Spagna dedicata all’artista statunitense Alice Neel (Pennsylvania, 1900 – New York, 1984), in programma al Guggenheim Bilbao dal 17 settembre al 6 febbraio 2022. Nel percorso figurano un centinaio di opere di Neel, tra dipinti, disegni e acquerelli, inclusi i suoi ritratti più sorprendenti, nei quali l’artista supera limiti e convenzioni sociali e artistiche per rappresentare l’esistenza nella sua contraddittorietà.

 

BASILEA

E’ Francisco de Goya, a 275 anni dalla nascita, il protagonista alla Fondazione Beyeler dal 10 ottobre al 23 gennaio 2022: organizzata in collaborazione con il Museo Nacional del Prado di Madri. La mostra – una delle più approfondite e complete tra quelle allestite fuori dalla Spagna – segue un andamento cronologico e presenta l’intero spettro tipologico (scene di genere e ritratti, ma anche nature morte e pitture di storia) e tutti i motivi peculiari di Goya, con l’obiettivo di delineare la complessa figura del pittore, uno degli ultimi grandi artisti di corte nonché un antesignano dell’arte moderna.

 

Leggi anche:Museo d’arte etrusca di Fondazione Rovati a Milano

Fondazione Trussardi porta a Milano le Gilded Darkness di Nari Ward

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *