eurovision ucraina mariupol
Spettacolo

Ucraina, prossima edizione dell’Eurovision a Mariupol: la proposta di Zelensky che dà speranza

Ucraina, Eurovision 2023: la proposta di Zelensky a Mariupol

“Il nostro coraggio impressiona il mondo e la nostra musica conquista l’Europa”. Comincia così il messaggio scritto sui social dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che vuole fare di tutto per ospitare in Ucraina il prossimo Eurovision, nella città di Mariupol.

Anche i vertici europei hanno accolto la vittoria ucraina all’Eurofestival. La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, si è congratulata su Twitter con i vincitori Kalush Orchestra, scrivendo: “Stanotte la vostra canzone ha conquistato il nostro cuore. L’Ue è con voi”.

Ma sarà davvero possibile per Zelensky ospitare, tra un anno, la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest?

eurovision ucraina mariupol

L’Eurovision in Ucraina a Mariupol

“L’anno prossimo l’Ucraina ospiterà l’Eurovision per la terza volta nella storia. E non credo l’ultima. Faremo tutto il possibile affinché un giorno i partecipanti e gli ospiti possano essere ospitati a Mariupol. Libera, restaurata, tranquilla”. Questo il messaggio di Zelensky sul suo canale Telegram.

Il presidente ucraino ha anche ringraziato i Kalush Orchestra e tutti coloro che li hanno votati. Infatti, il televoto è stato di gran lunga determinante per la vittoria dell’Ucraina nella competizione. Durante la serata, la band ucraina ha anche rischiato la squalifica per un messaggio espresso in supporto di Mariupol dopo la loro esibizione in finale. Ma gli organizzatori hanno poi ridimensionato la questione ad una natura umanitaria, più che politica, come messaggio di sostegno a tutti i cittadini ucraini.

“Questa vittoria è per tutti gli Ucraini. Slava Ukraini, gloria all’Ucraina!”. Così hanno festeggiato i membri della band direttamente dal palco del PalaOlimpico di Torino subito dopo l’annuncio di vittoria. La Sony Music Entertainment, casa discografica dei Kalush Orchestra, ha fatto sapere che i proventi del brano verranno devoluti ad un’associazione umanitaria scelta dalla stessa band.

Eurovision: la vittoria per Mariupol e tutta l’Ucraina

Insomma, da Torino è giunto un messaggio di forte sostegno verso tutta l’Ucraina, in un contesto che va oltre alla competizione musicale. È difficile, infatti, parlare in questo caso soltanto di musica. Il sospetto è che la band ucraina avrebbe vinto in ogni caso, indipendentemente dalla canzone in gara. Ma il frontman del gruppo, Oleg Psyukh, non la pensa così, anzi. “La canzone piaceva prima della guerra – ha fatto sapere – ma sicuramente la nostra vittoria dà un segnale politico importante e in qualche modo unifica l’Europa”.

Anche la first lady ucraina, Olena Zelenska, ha espresso le sue congratulazioni verso i vincitori. Ha inoltre dedicato un pensiero speciale alla mamma del leader della band, a cui la canzone in gara “Stefania” è dedicata. “Insieme a te siamo orgogliosi di tuo figlio – ha detto la moglie di Zelensky – e insieme a te ci rallegriamo per questa vittoria all’Eurovision, che è una vittoria per l’Ucraina anche nella guerra“.

 

Leggi anche:

Kalush Orchestra: chi sono i vincitori ucraini dell’Eurovision Song Contest 2022

Ascolti tv ieri sabato 14 maggio 2022: Eurovision Song Contest vince su Rai 1 col 41.9% di share-Dati Auditel

 

Editor: Susanna Bosio

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.