aborto vietato
NEWS

Dal Kentucky al South Dakota: ecco dove è già stato vietato l’aborto

Aborto: i Paesi dove verrà vietato. La sentenza della Corte Suprema avrà conseguenze devastanti

La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America ha abolito ieri il diritto di all’aborto, dopo quasi cinquant’anni dalla storica sentenza Roe vs Wade del 1973, che garantiva l’interruzione di gravidanza.

Più della metà dei cinquanta Stati membri potrà vietare il diritto all’aborto.

Gli Stati Uniti diventano il quarto Paese dal 1994 a revocare questo diritto, insieme a Polonia, Salvador e Nicaragua.

Aborto: dove è vietato

Oggi sono già 7 gli Stati in cui l’aborto è stato vietato. Il divieto è entrato in vigore immediatamente in 3: in Kentucky, in Louisiana e in South Dakota.

Nei prossimi giorni il divieto entrerà in vigore anche in North Dakota e in Utah, dopo il via libera delle autorità statali.

Il Mississippi vieterà l’interruzione di gravidanza 10 giorni dopo che il procuratore generale avrà dichiarato la legge costituzionale. In Wyoming cinque giorni dopo che il governatore avrà certificato che la sentenza Roe vs Wade è stata rovesciata.

L’Idaho avrà bisogno, invece, di 30 giorni insieme al Tennessee e al Texas, anche se in quest’ultimo Stato le cliniche hanno già smesso di praticare aborti.

Sono 26 in totale gli Stati che potrebbero vietare il diritto all’aborto definitivamente.

Cliniche chiuse: le conseguenze della sentenza della Corte Suprema

All’inizio del mese, quasi tutte le donne americane vivevano a poche ore di macchina da una clinica per l’aborto. Ma con l’annullamento della Roe v. Wade e la fine del diritto costituzionale all’aborto, le cliniche stanno rapidamente chiudendo in vaste aree del Paese, come in Alabama, in Texas e in West Virginia.

Ora inizierà una nuova serie di lotte politiche, che si svolgeranno nelle legislature statali e nei tribunali di tutta l’America. Quando avranno finito, un quarto delle donne statunitensi in età riproduttiva potrebbe dover percorrere più di 200 miglia per ottenere un aborto legale.

L’aborto potrebbe diventare più difficile da ottenere anche negli Stati in cui rimane legale, perché le cliniche potrebbero essere sommerse da pazienti provenienti da altri Stati. E Stati come il Colorado, il Kansas e l’Illinois – che saranno circondati da Stati che lo vietano – potrebbero diventare destinazioni importanti, con un’impennata di pazienti.

Ma la sentenza della Corte Suprema potrebbe avere anche conseguenze economiche devastanti. Le donne, che dovranno portare avanti una gravidanza non desirata, avranno quattro volte in più la probabilità di trovarsi in povertà.

 

Leggi anche:

Usa: la Corte Suprema abolisce il diritto all’;aborto. Joe Biden: «È un tragico errore»

Oklahoma, il governatore firma la legge più restrittiva sull’aborto degli USA

 

Editor: Vittoria Ferrari

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.