Pitti Immagine Uomo 2024
Moda

Pitti Immagine Uomo 2024: il boom del minimalismo e del quiet luxury

Si è aperto oggi il terzo giorno di Pitti Immagine Uomo 2024, la celebre fiera del menswear di Firenze. Ciò che è emerso dai primi giorni è senza dubbio una forte impronta minimalista e la centralità del quiet luxury, che si sta diffondendo sempre di più negli ultimi mesi.

Pitti Immagine Uomo 2024: il quiet luxury al centro delle nuove collezioni

Il trend del quiet luxury sta confermando sempre di più la sua emergente centralità nelle collezioni proposte dai brand per l’anno a venire. Lo streetwear di lusso, che nell’ultimo anno ha avuto il monopolio assoluto, sembra essere stato leggermente accantonato, o meglio, ripulito. I toni delle nuove linee sono semplici, eleganti, minimal, e soprattutto senza loghi eccessivi.

Il lusso silenzioso sottolinea un’estetica raffinata, nella quale a parlare è la qualità del prodotto sfoggiato, non più il logo. Loro Piana, ad esempio, con i suoi capi, si dimostra essere uno degli emblemi del quiet luxury: sono i materiali usati e la rifinitura degli articoli a creare il lusso, rendendo tali prodotti facilmente riconoscibili, pur senza ostentare in alcun modo il nome del brand.

Ne è un esempio il semplicissimo cappellino di Loro Piana blu indossato da Kendall Roy, della serie tv di HBO “Succession”, dal valore di €600, così come l’emblematica sciarpa di cashmere del marchio, spopolata anche sui social negli ultimi mesi.

Pitti Immagine Uomo 2024

Sembra che ci sia stato un ritorno generale al passato, come ha evidenziato la collezione Blue Division di Incotex, nella quale il brand ha cercato di adattare il denim anche alle occasioni più formali, proponendo completi dai tagli sartoriali ispirati all’eleganza degli anni ’40. Bianco Sartoria ha invece optato per una rivisitazione dello stile degli anni ’20, ispirandosi a Peaky Blinders, ambientata tra gli anni ’20 e ’30.

Blue Division, Incotex

Lo stilista Cuccinelli, stilista e fondatore dell’omonima azienda, ha preferito rifarsi alle forme dei capi tipici degli anni ’80, adattandoli alle esigenze odierne, eliminando quindi parte delle esagerazioni che caratterizzavano il periodo. Ciò che ha mantenuto sono state le spalle imbottite, la vita segnata e le pinces. Cuccinelli spiega:

“La mia non è una riproduzione pura e semplice: non mi interessano le esagerazioni tipiche di quel periodo, perché oggi non avrebbero senso. Ad attrarmi è la cura nella struttura dei capi, e l’attenzione che certe silhouette, per quanto aggiornate e rese contemporanee, richiedono per essere portate. Inoltre, lo stile di quel periodo è ripreso dal modo di vestire degli anni Venti, un’epoca molto simile a oggi: allora il mondo usciva dalla crisi per la pandemia di influenza spagnola, più o meno come noi siamo riemersi dopo il Covid. Lo stato mentale è analogo.”

Pitti Immagine Uomo 2024
Cuccinelli

Altri brand iconici che seguono il concept del quiet luxury sono indubbiamente Bottega Veneta, The Row e Loewe, i cui prodotti sono in genere riconoscibili grazie ai materiali e alle forme, mai per il logo visibile. Un altro modo per riferirsi a questa tendenza è stealth wealth, la ricchezza nascosta. Non è di certo un tentativo di essere anonimi, ma, come afferma Cuccinelli: “Tutti vogliamo apparire al nostro meglio, e l’abbigliamento serve a questo. Il ben vestire non ha nulla a che fare con lo scomparire.”

Pitti Immagine Uomo 2024
Bottega Veneta, Borsa Hop Piccola

Anche i brand più eccentrici si stanno avvicinando al quiet luxury?

Ebbene sì, sono molti i brand che si stanno avvicinando alla scia del quiet luxury e del minimalismo. Sembrerebbe che anche brand come Versace, Moschino e Dolce&Gabbana, noti per i loro eccessi e il loro stile principalmente massimalista, stiano approdando su sponde più minimal, ripulendo il loro stile iconico, spesso caratterizzato dalla presenza di loghi e stampe monogram.

Pitti Immagine Uomo 2024
Versace Pre-Fall 2024

Dal Clair Report condotto dal rivenditore di borse Rebag, è emerso che sono le borse senza eccessivi ricami o rimandi al logo del brand che mantengono meglio il loro valore nel tempo. Ad esempio, la “Triomphe Classique” di Céline registra una conservazione di valore media del 68% per quanto riguarda il modello in pelle, mentre per la versione in tela stampata essa cala al 45%.

Pitti Immagine Uomo 2024
Céline, Borsa Triomphe Classique in pelle di vitello lucida
Pitti Immagine Uomo 2024
Céline, Borsa Triomphe Classique in tela monogram e pelle di vitello

Anche il brand di streetwear Palm Angels, durante la sfilata parigina autunno/inverno 2023/2024 ha proposto un’impronta decisamente più classica rispetto al passato, optando per un abbondanza di nero, oltre che una riduzione nell’utilizzo di colori sgargianti e delle stampe.

Sembrerebbe insomma che il trend del quiet luxury sia destinato a restare e a essere accolto sempre più dalle maggiori case di moda.

Per visitare la piattaforma Pitti Connect, con tutti gli espositori, clicca qui.

Conclusioni: Pitti Immagine Uomo 2024 ci sta proponendo un ritorno all’eleganza del passato, mostrando la predilezione attuale di molti brand per il quiet luxury e per un minimalismo che parla da sé grazie alla qualità dei prodotti proposti, senza necessità di ostentazione.

Vi ricordiamo che è possibile acquistare la propria copia dell’Enciclopedia della moda online e in libreria, presso selezionati punti vendita Libraccio.

Leggi anche:

PITTI IMMAGINE UOMO 2024 APRE A FIRENZE LE SETTIMANE DELLA MODA

MILANO FASHION WEEK UOMO AUTUNNO INVERNO 2024: GLI EVENTI

LONDON FASHION WEEK AUTUNNO/INVERNO 2024/2025: IL CALENDARIO COMPLETO

PARIS FASHION WEEK MENSWEAR 2024 E PARIS HAUTE COUTURE WEEK 2024: I CALENDARI COMPLETI

NEWSLETTER

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!