toto ministri meloni salvini
News

Governo Meloni, via al toto ministri. Nodo sulla salute e dubbi per il Viminale

Toto-ministri: nodo sulla salute, Salvini fa un passo indietro sul Viminale

Dopo la vittoria alle elezioni, continua il lavoro di Giorgia Meloni. Ecco i possibili candidati ai vari ministeri. Salvini sembrerebbe retrocedere sulle pretese sul Viminale. I passi concreti verso la formazione del nuovo governo iniziano lunedì 10 ottobre, con l’apertura delle Aule.

Leggi: Nuovo governo Meloni, cosa succede questa settimana

Sul suo profilo Twitter Meloni ha affermato di essere al lavoro nella formazione della squadra di Governo di alto profilo che metta al centro gli interessi nazionali. Queste le sue parole:

Viminale: Salvini fa un passo indietro

È emerso che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, abbia chiaramente espresso di non volere segretari di partito al Ministero dell’Interno. Dopo un primo momento in cui la Lega sembrava intenzionata ad ostacolare la candidatura di qualsiasi figura che non fosse Matteo Salvini, sembrerebbe ora raggiunta l’intesa tra i leader di centro destra sul non assegnare il Viminale al leader del Carroccio. È sempre più verosimile che a Salvini sarà invece affidato il ministero delle Infrastrutture.

A proposito, leggi Ultimatum della Lega: senza Salvini al Viminale solo appoggio esterno a Meloni

La scelta ricadrebbe ora tra Giulia Bongiorno, favorita da Salvini insieme a Roberto Calderoli, e il prefetto Matteo Piantedosi, che metterebbe d’accordo tutti, anche Mattarella.

Salute: il nodo dei tecnici

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha avanzato le sue proposte per la poltrona del ministero della Salute. I suoi candidati sono Licia Ronzulli, sua fedelissima, e Alberto Zangrillo, primario al San Raffaele e suo medico personale. Meloni sembrerebbe però intenzionata a formare l’esecutivo con una prevalenza di tecnici. Questo porterebbe il toto ministri a pendere verso nomi come Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell’Ema e anche consulente dell’ex commissario Figliuolo e Francesco Rocca, presidente del Comitato nazionale della Croce Rossa Italiana.

Il toto ministri su Esteri, Affari Europei e Difesa

Elisabetta Belloni sembrerebbe non essere più in lizza per la cattedra del ministero degli Esteri. Andrà verosimilmente ad occupare il ruolo di Direttore generale del DIS (Dipartimento delle Informazioni sulla Sicurezza). I nomi più papabili sarebbero allora Antonio Tajani, vicepresidente e coordinatore unico nazionale di Forza Italia, e l’ambasciatore Stefano Pontecorvo (favorito secondo la predilezione di Meloni per i tecnici).

Il nuovo inquilino del Dipartimento per le politiche europee sarà verosimilmente Raffaele Fitto, europarlamentare di Fratelli d’Italia ed ex presidente della Regione Puglia.

Gli altri invece saranno specialisti d’area o comunque figure che non hanno mai avuto dimestichezza con gli scranni del Parlamento. Qualche nome? Circola quello del generale di corpo d’Armata Luciano Portolano come possibile inquilino alla Difesa.

toto ministri meloni salvini
Luciano Portolano

Sottosegretariato alla presidenza del Consiglio, Camera e Senato

La predilezione per dei tecnici alla maggior parte del ministeri non coinvolgerà verosimilmente la scelta della squadra di Camera e Senato.

Il senatore di FdI Giovanni Battista Fazzolari è il favorito per il sottosegretariato alla presidenza del Consiglio.

Alla Camera invece si fa il nome dei leghisti Riccardo Molinari o Giancarlo Giorgetti.Alla presidenza del Senato la scelta sarà tra Ignazio La Russa e Roberto Calderoli della Lega.

Il ministero dell’Economia: fuori Panetta, cresce la tensione con Draghi

Sono giorni di forti tensioni tra Giorgia Meloni e il premier uscente, Mario Draghi. Dopo la rinuncia di Fabio Panetta, i nomi più indicati sarebbero Domenico Siniscalco, ministro dell’Economia nel secondo e nel terzo governo Berlusconi, Dario Scannapieco, amministratore delegato di Cassa depositi e prestiti, e Maurizio Leo, responsabile economico di Fratelli d’Italia.

Potrebbe interessarti Meloni attacca Draghi: «Ritardi sul PNRR». Draghi: «Le ho lasciato il lavoro fatto. Ora tocca a lei»

Il toto ministri per il ministero alla Transizione ecologica

Ci sono, infine, i dicasteri tecnici già occupati, il cui futuro resta un’incognita. Nonostante l’intesa con Giorgia Meloni, Roberto Cingolani sembrerebbe intenzionato a lasciare la Transizione ecologica, mentre potrebbe proseguire il suo mandato Vittorio Colao, al momento impiegato alla Transizione digitale.

LEGGI ANCHE:

La destra ha vinto le elezioni: i prossimi passi verso la formazione del governo

Rula Jebreal attacca FdI e il padre di Giorgia Meloni. Calenda contro la giornalista: «Una bassezza»

Giorgia Meloni, il sostegno all’Ucraina e i rapporti internazionali: «Voglio un governo inattaccabile»

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *