Juve dimissioni Ritorna del Piero
Sport

Juve, dimissioni in blocco: Agnelli e tutto il Cda lasciano la dirigenza. Ritorna Del Piero?

Juve, dimissioni in blocco, ritorna Del Piero: Agnelli e tutto il Cda lasciano la dirigenza del club

Juve, dimissioni in blocco Ritorna Del Piero?

Agnelli e tutto il Cda hanno abbandonato la dirigenza del club. La decisione sarebbe stata presa dopo l’inchiesta della Procura di Torino per falso in bilancio.

I nomi dei dimissionari

Il Consiglio di amministrazione della Juventus si è dimesso in blocco e lo stesso ha fatto il presidente Andrea Agnelli. La decisione è stata presa durante una riunione straordinaria che si è tenuta alla Continassa nella serata di lunedì 28 novembre. Tra i nomi dei dimissionari figurano quello di Andrea Agnelli e del suo vice Pavel Nedved, quello dell’amministratore delegato Maurizio Arrivabene, e poi Massimo della Ragione, Katryn Fink, Daniela Marilungo, Francesco Roncaglio, Giorgio Tacchia e Suzanne Keywood. A scatenare questo terremoto è stata l’apertura, da parte della Procura di Torino, di un’inchiesta che vedeva il club accusato di falso in bilancio e false comunicazioni rivolte al mercato. Per alterare i risultati del bilancio, sarebbe stato fatto un intervento di spostamento degli stipendi. Secondo la Procura, gli stipendi a cui i giocatori avrebbero rinunciato, sarebbero corrispondenti a una sola mensilità: non a quattro come comunicato dalla Juve nel 2020.

Agnelli, lettera d’addio ai dipendenti

La Juventus ha diffuso una nota in cui si legge che le dimissioni del Consiglio di amministrazione sono arrivate su proposta del presidente Andrea Agnelli. Quest’ultimo ha voluto congedarsi dai propri dipendenti con una lettera d’addio. In essa ha ammesso che “La compattezza è venuta meno” ma ha anche rivendicato i “risultati straordinari” raggiunti. Da quel 19 maggio 2010 in cui il Cda dimissionario si era insediato, sicuramente i successi non sono mancati.

La dirigenza uscente è riuscita a portare la squadra alla vittoria di nove scudetti consecutivi, ha fortemente voluto lo stadio di proprietà ed è arrivata due volte in finale di Champions. Proprio le partite di Berlino e Cardiff, nella lettera vengono definite “i nostri grandi rimpianti”. A conclusione dello scritto, Agnelli osserva: “Stiamo affrontando un momento delicato societariamente […] meglio lasciare tutti insieme dando la possibilità a una nuova fondazione di ribaltare quella partita”.

Il nuovo presidente della Juventus: chi è Gianluca Ferrero

Nelle ultime ore, Exor, la holding della famiglia Agnelli che controlla il patrimonio del club bianconero, ha indicato il nome del nuovo presidente. È stato nominato Gianluca Ferrero, commercialista e amministratore di varie società, che, secondo la nota di Exor, “ha una solida esperienza e le competenze tecniche necessarie per ricoprire l’incarico”. Ferrero, laureato in Economia e Commercio, è un uomo di fiducia di John Elkann oltre che di Allegra Agnelli, madre di Andrea. Il nuovo direttore generale della Juventus sarà invece Maurizio Scanavino. Il manager che arriva dal gruppo GEDI è particolarmente vicino a John Elkann, numero uno di Exor. Scanavino è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni e ha lavorato in passato per il Gruppo FIAT. La sua esperienza nel gruppo GEDI era iniziata nel 2007 e, attualmente, ricopriva la carica di Amministratore Delegato e Direttore Generale di GEDI Gruppo Editoriale

Ritorna Del Piero?

Voci insistenti sul ritorno di Del Piero inizialmente nel C.D.A. con attribuzione di compiti specifici di Mkt e rappresentanza.

Si pensa al mercato di gennaio

Nel frattempo, in casa Juventus, si sta lavorando anche al mercato di gennaio. Lunedì 28 novembre, prima che scoppiasse il terremoto delle dimissioni, il direttore sportivo Federico Cherubini aveva incontrato Massimiliano Allegri e gli scout del club. La priorità per il club bianconero sarà quella di trovare un sostituto di Cuadrado, il cui contratto è in scadenza il giugno prossimo. Si sta prendendo in considerazione l’opzione di far rientrare in squadra Andrea Cambiaso in prestito al Bologna, altrimenti si dovrà adattare al ruolo del colombiano qualche altro giocatore presente in rosa. Per quanto riguarda le cessioni, tra i nomi in uscita c’è quello di McKennie. L’americano attualmente impegnato nei Mondiali in Qatar potrebbe entrare nel radar di altri club europei e, se dovessero presentarsi delle offerte interessanti, la Juve potrebbe pensare a un’operazione in entrata.

 

Leggi anche:

Mondiali 2022, i convocati delle Nazionali e i grandi esclusi

Stadi Qatar 2022: ecco gli 8 impianti che ospiteranno i Mondiali

Il mondiale del business e delle apparenze

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo un’email a settimana con il meglio del nostro Magazine.

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *